Kaṇāda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Kaṇāda (... – II secolo a.C. oppure VI secolo a.C.) è stato un filosofo indiano. Nonostante probabilmente visse nel II secolo a.C.[1], alcune fonti sostengono che visse in realtà nel VI secolo a.C.[2][3] Si crede si nato a Prabhas Kshetra, vicino Dwarka, nello Gujarat, India.

A lui dobbiamo il Vaiśeṣikasūtra, libro di aforismi sul Vaiśeṣika. Si ritiene che Kaṇāda abbia avuto un certo ruolo nell'introduzione del concetto di atomo in Oriente; il suo nome stesso significherebbe infatti mangiatore di atomi. Secondo altre teorie il nome starebbe a dire mangiatore di granellini di cereali, poiché il filosofo condusse una vita povera ed ascetica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Oliver Leaman, Key Concepts in Eastern Philosophy. Routledge, 1999, pag.269.
  2. ^ (EN) Anu and Parmanu—Indian ideas about Atomic physics
  3. ^ Dilip M. Salwi, Kanada

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie