Itzamnà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Nella mitologia maya, Itzamnà, è governatore degli dèi, dio del sole, del mais, della scrittura e delle arti.

In realtà era un sacerdote saggio con molte conoscenze in seguito divinizzato. A quanto pare in vita si chiamava solo Zamná, e che il prefisso *it- sia stato aggiunto dopo.

È rappresentato come un sereno vegliardo dal prominente naso. Itzamnà era il più antico della prima generazione degli dèi del pantheon maya, e fu la principale delle divinità maya fino all'800 d.C., quando, dopo l'invasione degli Aztechi, fu soppiantato dal dio Tezcatlipoca.

Non è chiara l'etimologia del suo nome, forse riferibile ad una grossa lucertola o caimano (itzam) oppure alla rugiada (itz).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Thompson, J.Eric S.(1970). Maya History and Religion, Civilization of the American Indian Series, No. 99. Norman: University of Oklahoma Press. ISBN 0-8061-0884-3. OCLC 177832
  • The Columbia Encyclopedia, Sixth Edition 2007
  • Ferdinand Anders, Das Pantheon der Maya.
  • Nicholas Hellmuth, Monsters and Men in Maya Art.
  • Houston, Stuart, Taube, The Memory of Bones.
  • Simon Martin and Nikolai Grube, Chronicle of the Maya Kings and Queens.
  • David Stuart, The Inscriptions from Temple XIX at Palenque.
  • Karl Taube, The Major Gods of Ancient Yucatan.
  • Karl Taube, A Representation of the Principal Bird Deity in the Paris Codex.
  • Eric Thompson, Maya History and Religion.
  • Alfred Tozzer, Landa's Relacion de las Cosas de Yucatan.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Conquista spagnola delle Americhe Portale Conquista spagnola delle Americhe: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Conquista spagnola delle Americhe