Kukulkán

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kukulkán
Rappresentazione di Kukulkán dal sito archeologico di Yaxchilán
Rappresentazione di Kukulkán dal sito archeologico di Yaxchilán
Nome originale Kukulcan
Mitologia Maya
Luogo di culto principale Chichén Itzá
Iconografia
Aspetto serpente piumato
Colori verde
Animali Drago, Serpente, Serpente piumato
Protettore di sacerdoti, riti, magia, vita, vento[senza fonte]
Parentele
Fratelli Juracàn, Cha'ak, Ixchel, Kuknohle (Quetzalpetlatl)

Kukulkán o Kukulcan (in maya yucateco composto da: kuk "piuma" con suffisso aggettivale -ul, e can "serpente", quindi letteralmente "serpente piumato"[1]) è, secondo la mitologia maya, il dio serpente piumato.
Divinità protettrice dei sacerdoti, il suo culto (influenzato da quello di Quetzalcōātl, suo analogo azteco col quale giunse a condividere alcuni miti) era particolarmente vivo a Chichén Itzá, dove vennero ritrovati luoghi ad esso consacrati[2]. Un mito narra che il Dio, sotto forma di umano, ingravidò la sorella e perciò venne bandito dal cielo. Giunto a Chichen Itza avrebbe insegnato a 7 giovani tutte le arti e loro divennero guerrieri nobili, sacerdoti e Re (tlatoani).[senza fonte]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Dizionario yucateco-inglese sul sito del FAMSI
  2. ^ Enciclopedia delle religioni Garzanti, Garzanti Editore, 1989, p. 568. ISBN 88-11-50454-6

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]