Hugh le Despenser, I conte di Winchester

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma di Hugh le Despenser

Hugh le Despenser (1 marzo 1261Bristol, 27 ottobre 1326) fu il primo conte di Winchester.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era figlio di Hugh le Despencer, I barone le Despencer (o Despenser), e di Aliva Basset, figlia unica ed erede di Philip Basset.

Suo padre venne ucciso nella battaglia di Evesham, all'epoca della quale Hugh era solo un fanciullo. Il patrimonio paterno venne salvato grazie all'intervento del nonno materno che era stato fedele al re[1].

Sposò Isabella di Beauchamp, figlia di William de Beauchamp, IX conte di Warwick e di Maud Fitzjohn .

Venne creato barone nel 1295 e fu uno dei pochi baroni a rimanere fedele ad Edoardo II d'Inghilterra durante la guerra causata da Pietro Gaveston. Dopo l'esecuzione capitale di Gaveston nel 1312, Hugh venne innalzato per la fedeltà dimostrata al re a suo primo consigliere; la gelosia degli altri baroni - e, soprattutto, la sua corruzione e il proprio comportamento ingiusto - ne provocarono il suo esilio nel 1321. Edmondo di Woodstock lo rimpiazzò come Lord Guardiano dei Cinque Porti.

Edoardo II tuttavia si ritrovò nella condizione di non riuscire a gestire il proprio governo senza il suo fedele le Despenser cosicché un anno dopo richiamò in Inghilterra il suo fedele consigliere. Questo gesto di clemenza provocò l'ira della regina Isabella, tanto più che Hugh venne creato trovato Conte di Winchester.

Quando Isabella e il suo amante Roger Mortimer guidarono una ribellione contro il re, catturarono sia Hugh che suo figlio. Isabella impose di aprire un processo contro i due Despenser ma Roger Mortimer ed Enrico Plantageneto (1281-1345), acerrimi nemici dei Despencer, provvidero invece ad eseguire immediatamente la loro condanna a morte: Hugh venne così impiccato a Bristol il 27 ottobre 1326.

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica sorgente]

Hugh sposò Isabella di Beauchamp e da lei ebbe:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fryde, Natalie (1979). La tirannia e la caduta di Edoardo II, p. 28 . ISBN 0521548063

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ancestral Roots of Certain American Colonists Who Came to America Before 1700 by Frederick Lewis Weis, Lines: 72-31, 74-31, 74A-31, 93A-29
  • Fryde, Natalie (1979). The tyranny and fall of Edward II, 1321-1326. ISBN 0521548063.
  • Karau, Björn: Günstlinge am Hof Edwards II. von England - Aufstieg und Fall der Despensers, MA-Thesis, Kiel 1999. (Free Download: [1])
  • Hunt, William (1888). Hugh Despenser. Dictionary of National Biography.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 13738627