Gruppo d'imprese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un gruppo d'imprese (o gruppo societario, spesso anche chiamato semplicemente gruppo) è un insieme di imprese e/o di società direttamente collegate tra loro sul piano finanziario ed organizzativo.

Un gruppo è comunemente definito come un insieme di unità tra loro autonome dal punto di vista giuridico, assoggettate ad un unico soggetto economico.

Tipologie di gruppi[modifica | modifica wikitesto]

Esistono diverse classificazioni dei gruppi societari, le quali a loro volta contengono diverse tipologie di gruppi, individuati da vari autori economisti e giuristi. Quelle più comuni sono le seguenti:

  • gruppo finanziario: tipologia di gruppo nel quale i rapporti sviluppati tra le consociate e la holding sono di carattere meramente finanziario;
  • gruppo economico: gruppo nel quale i rapporti tra le diverse unità sono di tipo economico-tecnico;
  • gruppo pubblico: gruppo caratterizzato dall'esercizio dell'attività di controllo, gestione e pianificazione da parte di un soggetto pubblico (Stato o ente pubblico);
  • gruppo privato: gruppo caratterizzato dall'esercizio dell'attività di controllo, gestione e pianificazione da parte di un soggetto di diritto privato;
  • gruppo ad azionariato diffuso: gruppo nel quale il capitale della holding è caratterizzato da un numero elevato di azionisti, i quali detengono una percentuale irrisoria. In questo modo essi non possono esercitare il controllo. Tipico il caso delle public company.

Gruppo e holding[modifica | modifica wikitesto]

Spesso si fa confusione tra il termine "gruppo" e il termine "holding". Un gruppo è un insieme di società con a capo una holding finanziaria, che è una società essa stessa, con oggetto sociale l'assunzione di partecipazioni.

Esempio: il Gruppo Fiat è una cosa, Fiat S.p.A. (la holding del gruppo) è un'altra.

Disciplina normativa[modifica | modifica wikitesto]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Il legislatore italiano non fornisce una definizione organica di gruppo aziendale, bensì sviluppa l'argomento trattando il tema del controllo, definendo quindi cosa si intende per società controllante, ovvero:

  • le società che detengono in un'altra società la maggioranza dei voti dell'assemblea ordinaria;
  • le società che dispongono di voti sufficienti per esercitare l'influenza dominante sempre in assemblea ordinaria;
  • le società che controllano un'altra società per vincoli contrattuali.

il d.lgs.17 gennaio 2003 n. 6 ne ha introdotto una generica disciplina.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]