Giovanni Maria Asara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Maria Asara Sanna (in sardo Juànne Marìa Asàra; Pattada, 19 agosto 1823Pattada, 19 febbraio 1907) è stato un poeta italiano autore di componimenti poetici in lingua sarda.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fin dalle sue prime composizioni si nascose sotto lo pseudonimo di Limbudu (Linguacciuto). È stato molto importante nello sviluppo della poesia sarda[1]; scherzoso e realista allo stesso tempo era capace di descrivere in maniera nitida e precisa le debolezze della società, con caratteristici versi sarcastici. Enzo Espa e poi Angelo Carboni hanno raccolto le sue opere[2], tra cui si distinguono: Su barantinu (La quarantina), Su 'izadolzu 'e Canemalu (La veglia di Canebrutto).

Suo è la creazione e l'utilizzo dell'undighina, forma poetica di undici versi (settenari e endecasillabi), poi molto usata in tutta la Sardegna[3].

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Sa ritrattazione; Su puddu, Cagliari: Tip. ed. artigiana, 1912
  • S' imbrogliu: cantone sarda, Sassari: Tip. G. Chiarella, 1914
  • Cantones di Limbudu, a cura di Enzo Espa, Gallizzi ed., Sassari 1979
  • Poema criticu de Limbudu-Limbori de Pattada e risposta de Limb'e fogu de Othieri, Cagliari : Tip. Graphical
  • Annales : cronacas in versos de una 'idda in s'800; a cura di Angelo Carboni Capiali, Ozieri : Il torchietto, 2007

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ poesias.it
  2. ^ G. M. Asara Sanna Limbudu - Cantones, a cura di Enzo Espa (Gallizzi ed., Sassari 1979)
  3. ^ poesias.it

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Angelo Carboni, LIMBUDU. Annales, cronacas in versos de una 'idda in s' 800, ed. Il torchietto, Ozieri, 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie