Finnici del Volga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Finnici del Volga o Finlandesi del Volga sono un gruppo storico di popoli indigeni della Russia i cui discendenti includono i Mari, gli Erzya e i Mokša Mordvini [1] [2], come pure i popoli estinti dei Merya, Muroma e Meshchera. [3]

I finnici del Volga abitano nei bacini del Sura e del Mokša, come pure (in minor numero) nella zona interfluviale tra il Volga e il Belaja. La lingua mari ha due dialetti, il mari della pianura e il mari della collina. Le lingue mordvine includono le lingue erza e mokša. [4]. Questi dialetti e lingue sono correlati e formano il sottogruppo delle lingue finniche del Volga della famiglia linguistica dell'ugrofinnico.

I parlanti delle lingue finnopermiche, i Permiani sono talvolta considerati appartenenti al gruppo finnico dei popoli del Volga poiché, secondo alcune teorie, la loro antica patria era situata nella parte settentrionale del bacino del Volga. [5]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) John Abercromby, I finnici pre- e proto-storici, D. Nutt/Adamant Media Corporation, 1898/2005, ISBN 1-4212-5307-0.
  2. ^ religione ugro-finnica: antefatti culturali e geografici » i popoli ugro-finnici in Encyclopædia Britannica, 15a edizione, Encyclopædia Britannica Online, 2008. URL consultato il 10 giugno 2008.
  3. ^ Denis Sinor, The Cambridge History of Early Inner Asia, Cambridge University Press, 1990, pp. 151, ISBN 0-521-24304-1.
  4. ^ Lenore Grenoble, Language Policy in the Soviet Union, Springer, 2003, PA80, ISBN 978-1-4020-1298-3.
  5. ^ James Minahan, I diversi popoli della precedente Unione Sovietica, ABC-CLIO, 2004, p. 115, ISBN 978-1-57607-823-5.