Fagot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fagot
AT-4 Spigot
Immagine di propaganda dei tempi del Patto di Varsavia, centrata su di un lanciamissili Fagot, probabilmente uno degli oltre 450 in dotazione all'esercito della DDR. Notare la grossa struttura, probabilmente del tipo diurno-notturno, per il puntamento del missile
Immagine di propaganda dei tempi del Patto di Varsavia, centrata su di un lanciamissili Fagot, probabilmente uno degli oltre 450 in dotazione all'esercito della DDR. Notare la grossa struttura, probabilmente del tipo diurno-notturno, per il puntamento del missile
Descrizione
Tipo missile anticarro
Sistema di guida SACLOS
In servizio 1971
Peso e dimensioni
Peso 20-40kg
Prestazioni
Vettori BRDM-2
Gittata 70 - 2.000 m
Velocità massima 182 m/s
Esplosivo 7 kg peso, HEAT

FAS.org[1]

voci di missili presenti su Wikipedia

Il Fagot (nome in codice NATO: AT-4 Spigot) è un missile controcarro sovietico. Progettato per sostituire l'9M14 Malyutka (AT-3 Sagger) è entrato in servizio nel 1971.

L'9M111 Fagot è praticamente una copia del MILAN franco-tedesco. Ha una gittata di circa 2km, guida SACLOS e alette retrattili, per essere ospitato in un tubo. Si tratta di un missile essenzialmente usato dalla fanteria, anche se assai pesante con il treppiede. Ma la sua gittata non è sufficiente per veicoli o elicotteri. Usato per la prima volta nella guerra del Libano del 1982, è stato aggiornato varie volte.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Ovviamente presenta caratteristiche migliorate rispetto al precedente AT-3 Sagger tra cui:

  • una testata più contenuta ma più potente (7kg peso, testata HEAT)
  • un sistema di guida automatica sul bersaglio (SACLOS) efficiente nel 90% dei casi
  • una manovrabilità e una velocità maggiori (182 m/S)

Il peso si aggira tra i 20-40kg e rende la classificazione di questa arma come "portatile". Il suo utilizzo è prevalentemente anticarro ma può essere usato contro fortificazioni o in funzione antiuomo.
Vista l'implementazione del sistemsa SACLOS l'addetto al lancio si dovrà solo occupare di marcare il bersaglio e lasciare al sistema di puntamento automatico il dovere. Possiamo definire questo procedimento semiautomatico alla linea di orizzonte in quanto l'operatore non è più costretto ad indirizzare manualmente il missile.
Il sistema di puntamento SACLOS si serve di una guida IR (Infra-red) molto accurata situata in coda; il sensore IR comunica via filo con la consolle di lancio che provvede alle correzioni di rotta necessarie.
Ulteriori innovazioni sono l'utilizzo di un tubo di invito per il lancio (1,200mm di lunghezza, peso 5kg), un diametro di 134 mm e una capacità di penetrazione di 500-600 mmm: una minaccia per qualsiasi MBT attualmente ora in circolazione.
Il raggio varia da un minimo di 70 metri ad un massimo di 2 km, rendendo la minaccia immediata anche sul cortissimo raggio.

Derivazioni[modifica | modifica sorgente]

Il sistema AT-4 Spigot può essere montato su unità BRDM-2 come lanciatori mobili ma questa pratica è stata largamente abbandonata in favore delle nuove unità AT-14 Kornet montate sui BMP-3 che assicurano maggiore mobilità e protezione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ AT - 4 SPIGOT Anti-Tank Guided Missile

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]