Eteroforia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 378.40
ICD-10 (EN) H50.5

Il termine eteroforia, è riferito ad un'anomalia della funzione visiva, e meglio inteso come strabismo latente. Al contrario dello strabismo manifesto e visibile, l'immagine visiva viene mantenuta fusa nel campo visivo, ma a costo di un costante sforzo dei muscoli oculari che può portare ad affaticamento e a mal di testa. Tale difetto è spesso associato con senso di pressione al globo oculare, soprattutto quando entrambi gli occhi si spostano lateralmente. Il difetto risiede in una leggera anormalità dei muscoli oculari o del nervo oculomotore. L'eteroforia può essere corretta mediante l'uso di una lente prismatica, tuttavia in casi più gravi è necessario l'intervento chirurgico.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Deriva dal greco heteros ovvero "altro" e phoros "che porta".

Complicanze[modifica | modifica wikitesto]

L'eteroforia può comportare ambliopia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario medico, Editoriale l'Espresso, 2002.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina