Electrologica X8

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Computer}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Electrologica X8 (o EL X8) era un elaboratore digitale progettato come successore del Electrologica X1 e prodotto nei Paesi Bassi da Electrologica NV dal 1965 in poi.

Come il suo predecessore X1, il sistema X8 include memoria a nucleo magnetico, parole da 27 bit con 15 bit di indirizzo e memoria a tamburo come memoria secondaria (memoria di massa). L'X8 ha un processoro periferico indipendente denominato CHARON (Centraal Hulporgaan Autonome Regeling Overdracht Nevenapparatuur, o Central Coprocessor Autonomous Regulation Transfer Peripherals) che gestisce l'input/output. Tra le altre caratteristiche, fino a 48 canali di input/output progettati per i dispositivi a bassa velocità quali natri perforati, plotter e stampanti. A differenza dell'X1, l'unità aritmetica del X8 supporta il l'artimetica in virgola mobile, con 40 bit di mantissa e 11 bit per l'esponente.

Il sistema è meglio noto per esser stata l'implementazione di Edsger Dijkstra del sistema operativo THE.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • E.W.Dijkstra, Documentatie over de communicatie apparatuur aan de EL X8, EWD140, undated. [1]
  • E.W.Dijkstra, Globale beschrijving van de drijvende arithmetiek van de EL X8, EWD145, 6 December 1965. [2]
  • E.W. Dijkstra, "The structure of the 'THE' multiprogramming system", Communications of the ACM 11(5):341–346, 1968. Dijkstra's manuscript EWD196 Full text (subscription)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica