Eigencolloid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine eigencolloid è derivato dalla lingua tedesca (eigen: proprio) ed è usato per designare colloidi fatti di fasi pure. Spesso la maggior parte di tali colloidi sono formati tramite idrolisi di cationi o radionuclidi di metalli pesanti come per es. Tc(OH)4, Th(OH)4, U(OH)4, Pu(OH)4 o Am(OH)3. Nel Nevada Test Site i colloidi sono stati sospettati per il trasporto a lungo raggio di plutonio .

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) V. Neck, T. Fanghänel, Solubility and colloid formation of Th (IV) in concentrated NaCl and MgCl2 solution in Radiochimica Acta, vol. 92, 9-11, 2004, pp. 537-543.
  • (EN) C.M. Marquardt, A. Seibert, R. Artinger, M. A. Denecke, B. Kuczewski, D. Schild, T. Fanghänel, The redox behaviour of plutonium in humic-rich groundwater in Radiochimica Acta, vol. 92, 9-11, 2004, pp. 617–623.
  • (EN) V. Neck, M. Altmaier, T. Fanghänel, Solubility of plutonium hydroxides/hydrous oxides under reducing conditions and in the presence of oxygen in Comptes Rendus-Chimie, vol. 10, 10-11, 2007, pp. 959–977.


chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia