D2-MAC

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trasmissione dei componenti del segnale televisivo simultanea (PAL) e in multiplex (D2-MAC).
Simulazione di un segnale MAC. Da sinistra a destra: dati digitali, crominanza e luminanza.
Elaborazione del segnale D2-MAC su un ricevitore satellitare Philips del 1990.

Il D2-MAC è uno standard di trasmissione televisiva progettato per risolvere i problemi di occupazione di banda del D-MAC sui sistemi via cavo europei.

Aspetti tecnici[modifica | modifica sorgente]

Il D2-MAC è un vecchio sistema di criptazione televisiva analogica e, come standard terlevisivo. è un formato di trasmissione ibrido. Il segnale di luminanza e quello di crominanza sono trasmessi in analogico mentre l'audio e le informazioni di sincroniscmo sono digitali. I componenti del segnale televisivo sono trasmessi separatamente tramite un processo di multiplazione comune agli altri sistemi MAC (Multiplexed Analog Components).

Il D2-MAC prevede un segnale a 625 righe con rapporto d'aspetto di 16:9; rispetto al precedente D-MAC, questo standard:

  • ha un Datarate dimezzato {10.125Mb/s};
  • ha una larghezza di banda ridotta, circa la metà;
  • la qualità percepità è comunque molto simile, ma occupando solo 5 MHz di banda.

Gli standard MAC prevedono l'uso di un sistema standard di codifica, l'EuroCrypt, un precursore del moderno DVB-CSA.

Composizione del segnale[modifica | modifica sorgente]

Ogni linea di segnale è composta da tra componenti, suddivisi come segue:

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]