Cronaca di Nabonide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La cronaca di Nabonide

La Cronaca di Nabonide è un antico testo babilonese, facente parte di una più ampia serie di Cronache babilonesi scritte in caratteri cuneiformi su tavolette d'argilla.

Si occupa principalmente del regno di Nabonide, ultimo re del Secondo impero babilonese, copre la conquista di Babilonia da parte del Re dei Re persiano Ciro il Grande e si conclude con gli esordi del regno di Cambise, figlio di Ciro, spaziando su un periodo che va dal 556 a poco dopo il 539 a.C.. Provvede un prezioso resoconto della salita al potere di Ciro ed è la principale fonte d'informazione per quel periodo;[1] il suo testo è stato descritto come "il più affidabile e sobrio resoconto della caduta di Babilonia."[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oppenheim, A.L. "The Babylonian Evidence of Achaemenian Rule in Mesopotamia". In Gershevitch, Ilya (ed), The Cambridge History of Iran: Vol. 2: The Median and Achaemenian periods, p. 535. Cambridge University Press, 1993. ISBN 0521200911
  2. ^ Amélie Kuhrt. "Babylonia from Cyrus to Xerxes", in The Cambridge Ancient History: Persia, Greece, and the Western Mediterranean, C. 525-479 B.C, pp. 112-138. Cambridge University Press, 1988. ISBN 0521228042