Contenuto cellulare medio di emoglobina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il contenuto cellulare medio di emoglobina, in inglese mean corpuscular hemoglobin o mean cell hemoglobin (da cui l'acronimo MCH), è la massa media di emoglobina per ogni singolo eritrocita in un campionamento di sangue. È un parametro che viene dall'esame emocromocitometrico e risulta diminuito nell'anemia ipocromica[1].

Può essere calcolando dividendo la massa totale di emoglobina per il numero di globuli rossi presenti in un determinato volume di sangue[1]:


MCH\ (pg) = \frac{Hb\ (g/L)}{\text{Eritrociti }(10^{12}/L)}


Negli esseri umani il suo valore normale è compreso tra 27 e 31 pg/cellula[1]. Per la conversione secondo il SI si considera 1 pg di emoglobina pari a 0.06207 femtomoli (il valore normale è pertanto compreso tra 1.68 e 1.92 fmol/cellula[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c MedlinePlus Medical Encyclopedia: RBC indices. URL consultato il 28 giugno 2013.
  2. ^ Praktikum der Hundeklinik, 10ª, 2006, p. 102, ISBN 3-8304-4141-X.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Harrison, Principi di medicina interna, 16ª ed., Milano, McGraw-Hill, 2005, ISBN 88-386-2999-4.
  • Nuti, Caniggia, Metodologia clinica, Torino, Minerva Medica, 2005, ISBN 88-7711-410-X.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]