Consensus (diritto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Consensus è una pratica diffusasi in seno alle Nazioni Unite per evitare decisioni all'unanimità di difficile approdo. Trattasi di un'approvazione di una determinata risoluzione senza una votazione formale tramite una dichiarazione in precedenza concertata tra gli Stati del presidente a capo dell'Organo in questione che riconosce semplicemente l'accodo tra i membri. L'accordo generalizzato è constatato dal presidente dell'organo interessato mediante la formula "Is there any objection? If not, it is so approved" [C'è qualche obiezione? Se no, è così approvato].

Questa pratica è stata criticata da ampia dottrina per alcuni aspetti: ad esempio i contenuti vaghi e spesso di compromesso[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Così Conforti Benedetto, Diritto Internazionale, VII, Napoli, Editoriale Scientifica, 2006, p. 131, ISBN 8889373970.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto