Condrite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Condrite (disambigua).
Un frammento del meteorite NWA 869, una condrite ordinaria
Condrite (L6) di Phnom Penh - 1868

Le condriti sono meteoriti rocciose indifferenziate dotate della stessa composizione chimica dei planetesimi, cioè quei piccoli corpi freddi che si formarono nel sistema solare primordiale.

L'86% delle meteoriti cadute sulla Terra sono condriti. Prendono il loro nome dalle condrule presenti al loro interno. Le condrule sono sferule di minerali mafici con grani di piccole dimensioni, indicativi di un rapido raffreddamento. Le condriti hanno in genere un'età di 4,6 miliardi di anni (quindi risalenti alla formazione del sistema solare) e si ritiene che abbiano origine nella fascia principale degli asteroidi. Come esattamente si formino è un argomento tuttora fortemente dibattuto tra gli scienziati.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Le condriti fanno parte delle meteoriti rocciose indifferenziate e si dividono in

  • Condriti ordinarie (OC)
    • H (anche dette olivine-bronziti)
    • L (anche dette olivine-ipersteni)
    • LL (anche dette olivine-pigeoniti o anfoteriti)
  • Condriti carbonacee
    • CI
    • CM
    • CR
    • CV
    • CO
    • CR
    • CH
  • Condriti E (Enstatiti)
    • EH
    • EL
  • Condriti R (Rumuruti)
  • Condriti K (Kakangari)

Condriti ordinarie[modifica | modifica sorgente]

Le condriti ordinarie, abbreviate OC, sono chiamate in questo modo perché rappresentano il tipo più comune di meteoriti che cadono sul nostro pianeta: circa l'80% del totale e il 90% delle meteoriti rocciose. Contengono numerosi condruli, una matrice sparsa (10-15% della pietra), alcune inclusioni refrattarie chiamate CAI e una quantità variabile di lega metallica ferro-nichel e troilite (FeS). Le condriti ordinarie si distinguono chimicamente per il loro impoverimento negli elementi litofili refrattari come Ca, Al, Ti, e terre rare rispetto al silico e dal punto di vista isotopico per i loro rapporti inusualmente alti 17O/16O rispetto a 18O/16O se paragonati alle rocce terrestri. Il diametro dei condruli di solito varia tra 0,5 e 1 mm. Molte, ma non tutte, sono state sottoposte ad un significativo grado di metamorfismo e hanno raggiunto temperature ben al di sopra dei 500 °C nel loro corpo progenitore. Sono divise in tre gruppi in base alla diversa quantità totale di metallo presente.

  • Condriti H, anche dette olivine-bronziti, prendono il nome dal termine High (it: alto) per il loro alto contenuto di complessivo di ferro e alto contenuto di ferro metallico (15-20% di lega Fe-Ni metallica in massa)[1], e per condruli più piccoli di quelli presenti nei tipi L e LL. Circa il 42% delle condriti ordinarie ricade in questo gruppo.
  • Condriti L, anche dette olivine-ipersteni, prendo il nome dal termine Low (it: basso) per il loro basso contenuto complessivo di ferro (7-11% di lega Fe-Ni metallica in massa). Circa il 46% delle condriti ordinarie ricade in questo gruppo.
  • Condriti LL, anche dette olivine-pigeoniti o anfoteriti, prendono il nome da Low Low (it: basso basso) per il loro basso contenuto totale di ferro e basso contenuto di metallo (3-5% di lega Fe-Ni metallica in massa). Solo una condrite ordinaria su dieci appartiene a questo gruppo.

Condriti carbonacee[modifica | modifica sorgente]

Circa il 5% delle condriti è costituito dalle condriti carbonacee. Le condriti carbonacee contengono acqua e tracce di materiale organico, inclusi a volte amminoacidi. Gli amminoacidi trovati nelle meteoriti sono di vari tipi, una parte di essi sono gli stessi che formano tutti gli esseri viventi sulla Terra: tutti gli amminoacidi contenuti nelle condriti carbonacee sono metà levogiri e metà destrogiri, questo dimostra la loro origine chimica in quanto gli amminoacidi di tutte le forme viventi sulla Terra sono esclusivamente levogiri. Al loro interno sono stati trovati anche dei grani presolari, e la loro composizione isotopica è simile a quella del Sole. Si pensa che le condriti siano materiale inalterato della nebulosa solare originaria.

Condriti E[modifica | modifica sorgente]

« Saint Sauveur » Condriti E (Enstatiti) EH5

Condriti R[modifica | modifica sorgente]

Condriti K[modifica | modifica sorgente]

Tipi petrologici[modifica | modifica sorgente]

La classificazione di una condrite nei suddetti gruppi è determinata dalle sue caratteristiche primarie: chimiche, mineralogiche e isotopiche. Il grado in cui è stata interessata da processi secondari di metamorfismo termico e alterazione acquosa sul corpo progenitore è indicata invece dal suo tipo petrologico, un numero che segue il nome del gruppo (es. H4).

L'attuale schema per descrivere i tipi petrologici fu concepito da Van Schmus e Wood nel 1967.[2] In realtà lo schema di Van Schmus e Wood è costituito da due schemi distinti: uno che descrive l'alterazione acquosa (tipi 1 e 2) e un altro che descrive il metamorfismo termico (tipi dal 3 al 6).

Alterazione acquosa:

  • Tipo 1 usato in origine per indicare le condriti che mancavano di condruli e contenevano grandi quantità di acqua e carbonio. Al momento il tipo 1 è usato semplicemente per indicare condriti che sono state sottoposte ad estensive alterazioni acquose al punto che la maggior parte dei loro olivina e pirossene sono stati trasformati nelle loro fasi idrate. Questa alterazione ebbe luogo a temperature comprese tra i 50 e i 150 °C, temperatura non sufficiente per innescare un metamorfismo termico. Appartengono a questo tipo solo condriti carbonacee del gruppo CI più alcune altre condriti carbonacee fortemente alterate.
  • Tipo 2 indica condriti che sono state sottoposte ad estensive alterazioni acquose ma che ancora conservano condruli riconoscibili nonché olivina e pirosseno inalterati. La matrice a grana fine è in genere completamente idrata e i minerali all'interno dei condruli possono mostrare gradi variabili di idratazione. Questa alterazione avviene probabilmente a temperature al di sotto dei 20 °C, evitando in questo modo l'alterazione termica. La maggior parte delle condriti CM e CR sono di tipo petrologico 2. A parte alcune altre condriti carbonacee non raggruppate, non ci sono altre condriti che appartengono al tipo 2.

La parte dello schema dedicata al metamorfismo termico descrive una sequenza continua di cambiamenti alla mineralogia e alla texture legati all'aumento progressivo della temperatura di metamorfismo. Queste condriti mostrano scarse prove degli effetti di un'alterazione acquosa.

  • Tipo 3 indica condriti che mostrano un basso livello di metamorfismo. Sono spesso indicate come non equilibrate perché minerali come l'olivina e il pirossene mostrano una grande varietà di composizioni, indicando una formazione sotto una grande varietà di condizioni diverse nella nebulosa solare. Anche le condriti dei tipi 1 e 2 sono non equilibrate.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ metal, iron, & nickel in meteorites
  2. ^ W. R. Van Schmus e J. A. Wood, A chemical-petrologic classification for the chondritic meteorites in Geochimica et Cosmochimica Acta, vol. 31, nº 5, 1967, pp. 747–765, Bibcode:1967GeCoA..31..747V, DOI:10.1016/S0016-7037(67)80030-9.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare