Colpo di mano a Mosca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colpo di mano a Mosca
Titolo originale Jeg så dem dø
Autore Sven Hassel
1ª ed. originale 1975
Genere Romanzo
Sottogenere Romanzo di guerra
Lingua originale danese

Colpo di mano a Mosca è l'undicesimo libro pubblicato da Sven Hassel.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I soldati dei reggimenti di disciplina sono coinvolti nella grande offensiva russa, offensiva che distruggerà le armate tedesche. Siamo nel dicembre nel 1941. I soldati del battaglione di disciplina, dopo aver conosciuto il gelo della steppa russa, si ritroveranno ad affrontare un nemico disposto a tutto pur di scacciare l'invasore dalla sua terra. Hassel e i suoi commilitoni si perderanno di vista, ma si ritrovano tutti quanti alla fine, feriti, sul treno ospedale che li riporterà in patria, mettendo fine alla loro esperienza nella campagna russa.

In particolare il libro descrive il presunto infiltraggio di alcuni commando tedeschi travestiti da soldati russi che, guidati da un capitano mongolo, dovranno distruggere un'importante fabbrica di carri armati posta nel cuore di Mosca.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]