Club Baloncesto Axarquía

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Club Baloncesto Axarquía
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit body thinsidesongreen.png
Kit body basketball.png
Kit shorts.png
Kit shorts.svg
Casa
Kit body thinsidesonwhite.png
Kit body basketball.png
Kit shorts.png
Kit shorts.svg
Trasferta
Colori sociali 600px Verde e Bianco.png verde e bianco
Dati societari
Città Vélez-Málaga
Paese Spagna Spagna
Confederazione FIBA Europe
Federazione FEB
Campionato Primera División de Baloncesto
Fondazione 1968
Denominazione Club Polideportivo di San Miguel (1968-1988)
CB Axarquía
(1988-presente)
Presidente Spagna Manuel Rincón Granados
Allenatore Spagna Francis Tomé
Palazzetto Ciudad Deportiva de Carranque
(1.500 posti)
Sito web www.cbclinicasrincon.com

Il Club Baloncesto Comarca de la Axarquía , meglio conosciuto come Clínicas Rincón per questioni di sponsorizzazione, è una società cestistica avente sede a Vélez-Málaga, in Andalusia (Spagna). Fondato il 16 luglio del 1968, gioca nella Liga LEB Oro.

Disputa le partite interne nella Ciudad Deportiva de Carranque di Malaga, che ha una capacità di 1.500 spettatori[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

I primi passi del basket nella comarca di Axarquía cominciano alla fine degli anni '60 a Velez-Malaga. Vi erano due enclavi del basket, in questa città che si può considerare la capitale del basket locale. Una nata nel collegio dei frati Francescani grazie all'iniziativa di padre Dionisio, l'altra presso l'istituto Reyes Católicos. Già negli anni '70 si decise di formare una squadra provinciale formata dai membri dell'istituto Reyes Católicos, che praticavano tale sport in campetti all'aperto con sterrato nel cortile di una scuola superiore secondaria. Ma è negli anni '80 che la pallacanestro ebbe un impulso tale da diffondersi in maniera capillare tra le giovani generazioni. Nella stagione 1984-85 viene costituita anche la squadra juniores femminile, mentre quella maschile ottenne i primi risultati positivi in campo provinciale e in tutta l'Andalusia. La società, che all'epoca si chiamava Club Polideportivo di San Miguel, partecipò al campionato provinciale giocando le partite interne al Colegio Augusto Santiago Bellido "Reñidero". Il Club Deportivo, in quegli anni, riuscì ad avere anche più di una squadra nei campionati provinciali. Nel frattempo, nel paese di Torre del Mar alcuni ragazzi iniziarono a praticare il basket, partecipando a tornei locali organizzati dal Patronato Deportivo.

La fondazione del CB Axarquía[modifica | modifica wikitesto]

Era il 1988 quando un gruppo di appassionati di basket fondarono il Club de Baloncesto Comarca de la Ajarquía. Nel ruolo di presidente fu nominato Paco Gonzalez che decise di dotare la comarca di una struttura degna della pratica del basket. il primo sponsor fu El Zoco de la Axarquía. La squadrà poté così partecipare al suo primo campionato: la 1ª Divisione Autonómica, dove vinse il match inaugurale contro l'Almerimar. Come stemma della squadra venne scelto un camaleonte, disegnato dal pittore Jurado Juan Lorca. Nella stagione 1989-90, la compagine femminile arriva a disputare la 2a Divisione Nazionale dove vi resta per cinque stagioni. Le stagioni passano senza grandi sconvolgimenti sino a quella del 1993-94 dove la squadra si prepara ad affrontare la 1ª divisione andalusa. Il nuovo presidente è Rafael Abad, che si impegna a promuovere i giocatori locali anche al di fuori dei confini provinciali.

Negli anni seguenti la squadra, per vari motivi, non riesce a partecipare alle competizioni locali. Subentra un nuovo consiglio di amministrazione, guidato da Antonio Moreno Ferrer, con l'obiettivo di far crescere la squadra in prospettiva futura. Ma l'anno seguente, è Federico Heredia Ruiz ad assumere la presidenza, con la squadra che riesce a disputare la Lega Provinciale allenata dal locale Ramon Perez. Fino a quel momento il cuore del team aveva sempre fatto parte del Sport Patronato de Velez-Malaga ma, nella stagione 1996-97 il Basket Club Axarquía decide di uscirne fuori disputando la prima serie provinciale con una rosa di alto livello.

Juani Ocón prende le redini della panchina per essere sostituito, l'anno dopo, da Ricardo Bandrés. La squadra raggiunse la promozione nel primo campionato nazionale col nome di Búfalo Axarquía, restandoci per due stagioni.

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2003-04 il club decide di fare sul serio, con l'innesto di veterani, esperti delle categorie maggiori del campionato nazionale. È in questo modo che la squadra raggiunge il terzo posto, che permette la promozione in Lega LEB 2. Nel 2004 la squadra ebbe la possibilità di partecipare alla Lega LEB Bronzo grazie all'acuisizione del titolo di un altro team.

A metà della stagione, il gestore della clinica Rincon, Rincon Manuel Granados assunse il ruolo di presidente e coinvolse la sua società nel progetto di sostentamento della squadra. È in questo periodo che il club comincia ad interessere strette collaborazioni con l'Unicaja Malaga, che continuerà a fornire al club numerosi innesti di categoria, permettendogli di raggiungere la Liga LEB Oro.

2010 - Presente[modifica | modifica wikitesto]

Nel Luglio del 2013, la FEB ha annunciato ufficialmente che il Clínicas Rincón avrebeb giocato nella lega LEB Oro per la stagione 2013-14.

Rosa 2013-2014[modifica | modifica wikitesto]

N. Naz.   Ruolo Sportivo   Alt.  
4 Spagna   P José Pozas   182 71
5 Regno Unito   G Mo Soluade   196 89
6 Spagna   G Luis Conde   191 73
7 Rep. Ceca   AP Jan Svandrlik   197 92
8 Spagna   AP Víctor Ruiz de Carranza   198 80
9 Serbia   G Dejan Todorovic   196 89
10 Spagna   P Alberto Díaz   188 81
12 Spagna   P Rubén Gutiérrez   188 82
14 Spagna   C El-Hadji Malick Fall   211 93
19 Spagna   C Maodo Malick Nguirane   210 105
22 Lituania   AG Sabonis, Tautvydas   203 92
44 Spagna   AG Ricardo Guillén   206 110


Staff tecnico 2013-2014[modifica | modifica wikitesto]

  • Allenatore: Francisco José Tomé González

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito Ufficiale - Contacto

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]