Bianca di Lancaster

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la figlia di Enrico IV, vedi Bianca di Lancaster (1392-1409).


Bianca di Lancaster
The Lady and the unicorn Taste det3.jpg
Duchessa di Lancaster
In carica 1362 –
1368
Nascita Castello di Bolingbroke, 25 marzo 1345
Morte Castello di Tutbury, 12 settembre 1368
Luogo di sepoltura Old St Paul's Cathedral
Padre Henry di Grosmont
Madre Isabel de Beaumont
Consorte Giovanni di Gand
Figli Filippa di Lancaster
John di Lancaster
Elizabeth di Lancaster
Edward di Lancaster
John di Lancaster
Enrico IV d'Inghilterra
Isabella di Lancaster
Religione cattolica

Bianca di Lancaster, contessa di Derby (25 marzo 134512 settembre 1369), era figlia di Henry di Grosmont, il più ricco e potene pari del regno, e di Isabella di Beaumont. A quattordici anni venne data in sposa a Giovanni di Gand terzogenito di Edoardo III d'Inghilterra.

Stemma di Edmondo il Gobbo, primo conte di Lancaster, e dei suoi successori.

La famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Bianca nacque da Henry di Grosmont e da Isabel de Beaumont il 25 marzo 1345[1], anche se alcuni storici suggeriscono il 1347 come anno di nascita[2]. Bianca era la più giovane dei figli di Henry ed Isabel e sia lei che la sorella maggiore Maud nacquero al Castello di Bolingbroke, nei pressi di Lindsey. Da parte di padre i suoi nonni erano Enrico Plantageneto e Maud Chaworth, mentre da parte di madre era nipote di Enrico di Beaumont ed Alice Comyn. In seconde nozze sua sorella Maud sposò Guglielmo I di Baviera, ma da nessuno dei suoi matrimoni nacquero figli.

Il matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 maggio 1359, Bianca sposò Giovanni di Gand, figlio del regnante inglese Edoardo III e della sua consorte Filippa di Hainaut, l'intera famiglia reale presenziò alle nozze e il re diede alla giovane sposa ingenti regali sotto forma di gioielli[3]. Nel 1361 suo padre morì senza lasciare eredi maschi e il titolo di Duca di Lancaster restò vacante, così questi venne preso da Giovanni che in questo modo divenne Duca di Lancaster, Conte di Derby, Conte di Lincoln e Conte di Leicester (anche se questi titoli non vennero ereditati da Giovanni che nel 1362 alla morte della cognata Maud). La sua influenza associata ai diversi titoli nobiliari gli fecero guadagnare la carica di Lord grande intendente nel 1362. Lo storico francese Jean Froissart descrisse Bianca come jeune et jolie (giovane e bella) e lo scrittore Geoffrey Chaucer parlò di White (uno dei personaggi centrali del Il Libro della Duchessa che si crede sia stato ispirato da Bianca) come una donna di rara bellezza e cultura. Normalmente si crede che il matrimonio fra Bianca e Giovanni sia stato felice anche se vi sono poche prove evidenti in merito a questo, questa convinzione deriva dal fatto che egli scelse di essere sepolto accanto a lei, a dispetto dei due matrimoni che seguirono la sua morte, e che, secondo alcuni, i temi dell'amore, della devozione e del dolore che sono centrali nel poema di Chaucer, siano almeno in parte ispirati al legame che unì Bianca al marito. Nel 1368 la peste bubbonica ricominciò a mietere vittime, Bianca, che allora viveva nel Lincolnshire venne infettata e morì nell'autunno di quell'anno, il 12 settembre, mentre suo marito era oltremare[4]. Bianca aveva ventidue o ventitre anni. I suoi funerali si tennerò all'Old St Paul's Cathedral, dove venne sepolta, e vi prese parte tutta l'alta nobiltà britannica e il clero in un magnifico corteo che accompagnò il feretro. Giovanni commemorò la morte della moglie ogni anno fino al giorno della sua stessa morte e fu forse per un anniversario che Geoffrey Chaucer, che era all'epoca uno sconosciuto poeta di corte, compose, pare su commissione di Giovanni di Gand il poema Il Libro della Duchessa per commemorare la moglie morta. Nel 1374 Giovanni commissionò all'artigiano Henry Yevele (1320circa-1400) una doppia tomba per lui e Bianca, il monumento, collocato nel coro della cattedrale, venne compleato nel 1380 per un costo totale di 592£. Quando anche Giovanni di Gand morì venne sepolto accanto alla moglie nella Cattedrale di St. Paul, l'ubicazione però è attualmente sconosciuta.

I figli[modifica | modifica wikitesto]

La coppia ebbe sette figli dei quali tre sopravvissero fino all'età adulta:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Bianca di Lancaster Padre:
Henry di Grosmont
Nonno paterno:
Enrico Plantageneto
Bisnonno paterno:
Edmondo il Gobbo
Trisnonno paterno:
Enrico III d'Inghilterra
Trisnonna paterna:
Eleonora di Provenza
Bisnonna paterna:
Bianca d'Artois
Trisnonno paterno:
Roberto I d'Artois
Trisnonna paterna:
Matilda di Brabante
Nonna paterna:
Maud Chaworth
Bisnonno paterno:
Patrick Chaworth, Signore di Kidwelly
Trisnonno paterno:
Patrick Chaworth
Trisnonna paterna:
Hawise de Londres
Bisnonna paterna:
Isabella di Beauchamp
Trisnonno paterno:
William de Beauchamp, IX conte di Warwick
Trisnonna paterna:
Maud FitzJohn
Madre:
Isabel de Beaumont
Nonno materno:
Enrico di Beaumont
Bisnonno materno:
Louis de Brienne
Trisnonno materno:
Giovanni di Brienne
Trisnonna materna:
Berenguela di León
Bisnonna materna:
Agnés de Beaumont
Trisnonno materno:
Raoul VIII, Visconte de Beaumont
Trisnonna materna:
Agnes de la Fleche
Nonna materna:
Alice Comyn
Bisnonno materno:
Alexander Comyn, Sceriffo di Aberdeen
Trisnonno materno:
Alexander Comyn, conte di Buchan
Trisnonna materna:
Elizabeth de Quincy
Bisnonna materna:
Joan le Latimer
Trisnonno materno:
William le Latimer
Trisnonna materna:
Alicia Ledet

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cawley, Charles. Medieval Lands, England, Kings (1066-1603)
  2. ^ L.A. Loschiavo, ‘The birth of “Blanche the Duchesse”: 1340 versus 1347’, Chaucer Review, vol. 13 (1978), pp. 128–32.
  3. ^ Mortimer, Ian (2008). The Perfect King The Life of Edward III, Father of the English Nation. Vintage. p. 335
  4. ^ J.J.N. Palmer, ‘The historical context of the Book of the Duchess: a revision’, Chaucer Review, vol. 8 (1974), pp. 253–61, le prove che Palmer porta a sostegno del 1368 come data di morte al posto del 1369 sono ormai accettate

Controllo di autorità VIAF: 11336386 LCCN: n86802740

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie