Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Bentō

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Bento)
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'applicazione prodotta da Filemaker Inc., vedi Bento (database).
Bentō
Un bentō servito in un ristorante ad Hanabishi, Koyasan
Un bentō servito in un ristorante ad Hanabishi, Koyasan
Origini
Luogo d'origine Giappone Giappone
Dettagli
Categoria piatto unico
Ingredienti principali vari (piccole porzioni di piatti freddi da mangiare fuori casa)
 

Il bentō (お弁当 obentō?) è un vassoio contenitore con coperchio, di varie forme e materiali, adibito a servire un pasto, in singola porzione, preparato in casa o all'aperto. Si tratta di un oggetto comune nella cucina giapponese.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Un bento shop

Il bentō è un pranzo preconfezionato, solitamente consumato nella pausa pranzo. La scatola da bentō è dotata di divisori interni atti a separare cibi differenti e viene avvolta in un pezzo di carta, di tessuto o in borse speciali insieme alle bacchette ( hashi?). Il bentō viene sempre confezionato in modo da creare un pacchettino esteticamente gradevole, studiando le combinazioni di colore dei cibi e la maniera di porli, coordinando bentō, bastoncini, cibo, tovaglietta e tutto il resto.

Le scatole bentō sono di vari materiali e dimensioni: possono essere di plastica usa e getta, di legno o metallo, semplici, stampate, decorate, oppure addirittura opere artistiche laccate e fatte a mano. Alcuni hanno uno scompartimento thermos, che contiene riso mantenuto caldo o miso, di solito utilizzato come bevanda per il pranzo al posto di acqua o tè.

Il bento contiene riso e contorni (おかず okazu?), ovvero diverse specialità di pesce, carne, verdure, onigiri, tempura, verdure cotte o marinate, tōfu e altri cibi varianti a seconda della stagione.

I bentō possono essere personalizzati e molto elaborati. Nello stile kyaraben (キャラベン? abbreviazione che sta per "bento dei personaggi"), ad esempio, il cibo viene decorato per apparire come i cartoni animati (anime), i fumetti (manga) o videogiochi giapponesi più popolari. Un altro stile per i bentō è l'oekakiben ("bentō-ritratto"), decorato per ritrarre persone, animali, edifici, monumenti o cose come fiori e piante. Vengono organizzate addirittura gare per competere nella realizzazione esteticamente più gradevole.

Il bentō viene dato ai bambini per portarlo a scuola ed agli adulti in ufficio, ma anche ai picnic ed alle feste, perciò deve essere comodo e pratico da mangiare, ad esempio porzionando i cibi in piccole parti. In Giappone il bentō assume anche valenze particolari e sentimentali. Spesso nei manga e negli anime le ragazze portano all'innamorato un bentō preparato in casa, come anche la moglie al marito[1].

Sebbene sia possibile trovare i bentō in moltissimi luoghi in tutto il Giappone (bentō shops (弁当屋 bentō-ya?), discount e negozi di quartiere), è ancora comune per le massaie giapponesi spendere molto tempo ed energie per prepararlo per i propri mariti e figli.

I bentō sono molto diffusi anche nelle stazioni ferroviarie e in questo caso chiamati ekiben (駅弁?). Essi variano da regione a regione e sono considerati un modo per promuovere le specialità e le tradizioni locali[2]. Anche gli aeroporti offrono una versione analoga all'ekiben, chiamata soraben (空弁?) ovvero bentō preparati con ricette di cucina locale, che possono essere consumati durante l'attesa o in volo.

Esistono contenitori simili al bentō nelle Filippine (detti Baon), Corea (Dosirak) Taiwan (Biadang) e India (Tiffin).

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La parola "bento" deriva dal termine 便當 (biàndāng, conveniente), dialetto del Song del sud (Cina), poi portato in Giappone scritto col sistema ateji 便道, 辨道, e 辨當, mentre in shinjitai è scritto 弁当[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un bentō servito in aereo

Le origini del bentō risalgono al tardo periodo Kamakura (1185-1333), quando fu inventato il riso chiamato hoshi-ii ( pasto essiccato?), che può essere mangiato così oppure bollito in acqua e poi trasportato in piccole sacche. Nel periodo Azuchi-Momoyama (1568-1600) si cominciarono a realizzare scatole di legno laccato e il bentō veniva mangiato durante un hanami o un tè[3].

Nel periodo Edo (1603-1867) la cultura del bento si diffuse raffinandosi. I viaggiatori ed i turisti si portavano dietro un semplice koshibentō (腰弁当, bento a cintura), che consisteva in molti onigiri avvolti con foglie di bambù o in scatole di bambù intrecciato. Uno degli stili di bentō più popolari è chiamato makuno-uchi bentō ("bento tra gli atti"), inventato proprio in questo periodo. Coloro che andavano a vedere le opere del genere e Kabuki mangiavano soprattutto bento preparati nella pausa tra due atti[3].

Molti libri di cucina furono pubblicati con spiegazioni su come cucinare, impacchettare e preparare bentō per occasioni come hanami e hinamatsuri.

Nel periodo Meiji (1868-1912) venne venduto il primo ekibentō o ekiben (駅弁当 "bento della stazione dei treni"?). Ci sono molte fonti che asseriscono di essere state le prime a vendere un ekibentō, ma si ritiene comunemente che il primo sia stato il 16 giugno 1885 alla stazione di Utsunomiya e conteneva due onigiri ed un piatto di yakuan avvolto in foglie di bambù[3].

Siccome molte scuole non provvedevano al pranzo, studenti ed insegnanti portavano il bento da casa, così come facevano molti lavoratori. In questo periodo si cominciò a vendere un bento stile europeo, con panini[3].

Nel periodo Taishō (1912-1926) fecero la loro comparsa i bentō in alluminio, considerati un lusso visto il loro aspetto simile all'argento e la semplicità d'uso. Inoltre, poiché le differenze sociali erano molto diffuse in questo periodo, a seguito del boom delle esportazioni durante la prima guerra mondiale e delle carestie di cereali nella regione Tōhoku, vi furono provvedimenti per abolire nelle scuole la pratica del bentō, che spesso rifletteva la ricchezza dello studente. Dopo la seconda guerra mondiale la pratica di portare il bentō a scuola declinò gradualmente e fu rimpiazzata da cibo fornito dalle scuole stesse a studenti ed insegnanti[4].

Il bentō tornò popolare negli anni ottanta, con l'aiuto dei forni a microonde e la diffusione dei convenience store. Inoltre l'alto prezzo delle scatole di legno e metallo favorirono l'utilizzo di scatole in plastica[3]. Dagli anni duemila c'è stato un ritorno del bentō fatto in casa, pratica ormai comune nelle scuole giapponesi e che inizia a diffondersi sporadicamente anche in altri Paesi[5]. I bentō fatti in casa sono talvolta avvolti in furoshiki, che funge sia da borsa che da sottopiatto.

Tipi di bentō[modifica | modifica wikitesto]

  • Makunōchi bentō (幕の内弁当?) è uno stile classico di bentō con riso, ume sottaceto (umeboshi), una fetta di salmone alla griglia, un uovo in camicia, ecc[6].
  • Noriben (海苔弁? bentō d'alghe) è il bentō più semplice, con riso bollito avvolto in alghe nori, imbevute nella salsa di soia[7].
  • Sake bentō (鮭弁当? bentō al salmone) è un semplice bentō con salmone alla griglia come piatto base[7].
  • Shidashi bentō (仕出し弁当?) è preparato nei ristoranti e consegnato durante il pranzo, è spesso mangiato in occasioni speciali come feste o funerali[8].
  • Hinomaru bentō (日の丸弁当?) è il nome per un bentō formato da riso bianco con al centro un umeboshi, senza altre pietanze insieme. Il nome deriva da Hinomaru, la bandiera giapponese, che ha uno sfondo bianco con un cerchio rosso al centro. L'origine dell'hinomaru bentō è attribuita all'niziativa di una studentessa della prefettura di Hiroshima nel 1937, dove questo pasto veniva consumato ogni lunedì dagli studenti in segno di solidarietà delle truppe stanziate in Cina. Dal 1939 questo tipo di bentō si diffuse in tutto il Paese e negli anni a seguire divenne un simbolo dell'unità nazionale e della mobilitazione bellica[9].
  • Hokaben (他弁? "altro" bentō) si riferisce ad ogni tipo di bentō comprato nei negozi da asporto. Il termine si è iniziato a diffondere negli anni '80 del XX secolo, soprattutto tra i giovani[10].
  • Hayaben (早弁?) è un bentō mangiato prima di pranzo, quando si sa che si avrà un pasto poco dopo[11]. Il termine deriva da hayai (早い?) che significa "presto".
  • Chūka bentō (中華弁当?), bento contenente cibo cinese, come involtini primavera, pollo fritto, ecc. Tipico della stazione di Nagano[7].
  • Sanshoku bentō (三色弁当? bentō dai tre colori), composto da tre sezioni separate contenenti: pollo e riso; sushi su riso; vari ingredienti come gamberi, polpette di pesce, ecc. su riso. Tipico della stazione di Hakata, nella prefettura di Fukuoka[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robin E. Brenner, Understanding Manga and Anime, Greenwood Publishing Group, 2007, ISBN 0313094489.
  2. ^ Takayuki Kosaki, Walter Wagner, The Food of Japan, Tuttle Publishing, 2014, ISBN 1462905374.
  3. ^ a b c d e f Martha Stone, The Bento Cookbook: The Artful Japanese Lunch Box, Martha Stone, 2014.
  4. ^ Jes Gearing, Bento: The Japanese Art of Lunch, 14/09/2009.
  5. ^ (EN) Samantha Storey, Bento Boxes Win Lunch Fans in New York Times, 9 agosto 2009.
  6. ^ 語研 (a cura di), 英語で秋葉原を紹介する本 (Guiding you friends around Akihabara in english), Goken Co., Ltd., 2008, ISBN 4876151725.
  7. ^ a b c d Boye Lafayette De Mente, Dining Guide to Japan: Find the Right Restaurant, Order the Right Dish, and Pay the Right Price!, Tuttle Publishing, 2007, ISBN 4805308753.
  8. ^ Atsushi Ueda, Electric geisha. Tra cultura pop e tradizione in Giappone, Feltrinelli Editore, 1996, ISBN 8807460084.
  9. ^ Katarzyna Joanna Cwiertka, Modern Japanese Cuisine: Food, Power and National Identity, Reaktion Books, 2006, ISBN 1861892985.
  10. ^ 日本語ジャーナル, Edizione 5, アルク, 2007.
  11. ^ Tamako Sakamoto, Cook Japanese with Tamako: Hearty Meals for the Whole Family, Marshall Cavendish International Asia Pte Ltd, 2013, ISBN 9814516872.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Martha Stone, The Bento Cookbook. The Artful Japanese Lunch Box., Martha Stone, 2008.
  • Boye Lafayette De Mente, Dining Guide to Japan: Find the Right Restaurant, Order the Right Dish, and Pay the Right Price!, Tuttle Publishing, 2007, ISBN 4805308753.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]