Bande à part

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bande à part
AnnaKarina bandéapart.jpg
Il famoso ballo di Anna Karina
Titolo originale Bande à part
Paese di produzione Francia
Anno 1964
Durata 97 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere noir, drammatico
Regia Jean-Luc Godard
Soggetto Dolores Hitchens autrice del romanzo Fool's Gold
Sceneggiatura Jean-Luc Godard
Produttore Philippe Dussart
Casa di produzione Anouchka Films, Orsay Films
Fotografia Raoul Coutard
Montaggio Françoise Collin, Dahlia Ezove, Agnès Guillemot
Musiche Michel Legrand
Scenografia Christiane Fageol
Interpreti e personaggi

Bande à part è un film del 1964, il settimo lungometraggio diretto da Jean-Luc Godard, una delle pietre miliari della Nouvelle Vague. In Italia è talvolta conosciuto anche con il curioso titolo Separato magnetico, con il quale fu proiettato in una limitata serie di sale cinematografiche.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Due balordi, Arthur e Franz, compiono con la loro SIMCA un sopralluogo intorno a una casa della periferia parigina dove progettano di compiere una rapina. Una loro compagna di classe a un corso d'inglese per adulti, Odile, si è lasciata sfuggire che il pensionante di sua zia, la padrona di casa, tiene nascosta in soffitta una grande somma di denaro contante.
Per convincere Odile a lasciarli entrare in casa di zia Victoria, i due la corteggiano a turno. Le passano bigliettini d'amore e la portano a ballare; quando decidono chi di loro dovrà passare la notte con la ragazza, lei imbroglia perché vinca Arthur.
Arthur litiga con il cugino malvivente, che vorrebbe partecipare al colpo. Finalmente Odile cede e porta gli amici a casa, loro la legano per non comprometterla ma non riescono a salire al piano superiore perché la porta è chiusa.
Ritentano il colpo il giorno successivo, stavolta legano e imbavagliano M.me Victoria ma il denaro è introvabile. Arthur fruga finché trova il malloppo nella cuccia del cane. Sopraggiunge il cugino, provocando una sparatoria in cui muore sia lui che Arthur.
Convinti che la zia sia morta soffocata dal bavaglio (in realtà ha solo perduto i sensi), Odile e Franz scappano senza bottino, e decidono di espatriare in Sudamerica.


Critica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la grande produzione italo-francese di Il disprezzo, si tratta per Godard di fare un film a basso costo e girato in poco tempo, come agli albori della storia del cinema (e anche agli inizi della sua carriera di regista), a esplicita imitazione dei film hollywoodiani di serie B amati sia da Godard che dall'amico e collega François Truffaut. Per questo decide di portare sullo schermo una trasposizione molto libera di un romanzo letto nell'economica Série noire di Gallimard.

« Le Mépris era a colori, in scope, girato in Italia, e il modo migliore per cambiare direzione era pormi dei limiti. Mi sono detto: “Farò di Bande à part un piccolo film di serie Z come certi film americani che mi piacciono.” »
(Jean-Luc Godard, Objectif 65[2])

Il regista si propone di rendere il clima populista e poetico dei film francesi d'anteguerra, per esempio le trasposizioni in B/N dei romanzi di Simenon.[3] Lungo tutta la narrazione, slegata, incoerente e piena di digressioni, si susseguono episodi che hanno influito profondamente sul gusto degli amanti del cinema di serie B, come il divertente ballo a tre nel caffè-ristorante, o la strepitosa sequenza, narrativamente superflua,[4] della visita dell'intero museo del Louvre in meno di 9 minuti e 45”. Il regista decide di ingaggiare la moglie dalla quale si sta separando, Anna Karina, nel tentativo di recuperarla dalla depressione dopo due tentativi di suicidio (in ottobre e poi in novembre 1963) nel nuovo appartamento al n. 9 di rue Tollier, vicino al Panthéon.[5] A gennaio 1964, mentre Godard gira un episodio per il film collettivo Parigi di notte, Anna è in ospedale psichiatrico per sei settimane. Quando lui le preannuncia che cominceranno a girare entro 15 giorni, lei “non sa se dovesse ridere o piangere”.[6] Godard chiede un finanziamento di 100 mila dollari alla Columbia, si sente rispondere che è un compenso elevato per un regista così giovane. “No, non 100 mila dollari per me, è per l'intero film,” risponde.[5]
Le riprese durano esattamente un mese, dal 17 febbraio al 17 marzo 1964, alla periferia est di Parigi, poi nei pressi di Place d'Italie e dintorni di Joinville sulle rive della Marna.[5] Per le riprese in esterni, l'operatore Coutard usa una macchina da presa Arriflex 2 C, che può essere tenuta sulla spalla per dare un'impressione di velocità. Il suono è in presa diretta.
Odile, Franz e Arthur sono a pieno diritto tra i personaggi più godardiani di Godard: innocenti, puri, ingenui, sono giovani animali selvaggi ancora incorrotti.[5] È un film sulla nostalgia del regista per le proprie origini, per i primi film. L'estetica da film di serie B di Bande à part ha inciso nell'immaginario di molti cineasti, soprattutto americani:

« C'è una scena che vale tutte quelle che uno sceneggiatore o uno scrittore potrebbero immaginare. Due tizi stanno svaligiando una casa, con delle calze infilate in testa. Frugano, uno dei due si ferma, si guarda in uno specchio e si aggiusta la cravatta. L'altro si ferma, guarda in una biblioteca come se fosse da un bouquiniste, prende un libro, lo mette in tasca e continua a rubare. Ora, se Godard avesse avuto Cary Grant con le calze infilate sulla testa, si sarebbe detto: “Oh, è magnifico”. Mi dispiace che non abbia avuto Cary Grant, [...] nessuno avrebbe qualificato Bande à part “film d'arte e d'essai”. »
(Samuel Fuller alla University of Southern California, 28 febbraio 1968.[7])


Omaggi[modifica | modifica wikitesto]

La scena del ballo nel caffè-ristorante è stata ripresa in Pulp Fiction.[8] Il regista Quentin Tarantino è stato notevolmente influenzato dal lavoro di Godard e ha fondato una compagnia di produzione chiamata A Band Apart.[9] Altre opere che includono omaggi al film sono American Sunshine, The Dreamers - I sognatori (la corsa nelle sale del Louvre) e il video musicale di Un romantico a Milano dei Baustelle.[10][11][12]


Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • I titoli di lavorazione del film sono stati, in successione: Sammy, Arthur et Anouchka e Les Mimis.[5]
  • Odile Monod, il nome della protagonista interpretata da Anna Karina, è il nome da nubile della madre di Jean-Luc Godard; Odile potrebbe essere un riferimento all'omonimo romanzo di Raymond Queneau.
  • In una scena i tre amici decidono di provare quanto possa sembrare lungo un minuto di silenzio; si guardano in faccia senza una parola, e magicamente anche la musica si tronca, come pure la banda sonora, per un minuto (34 secondi in realtà, poi Franz dice che è sufficiente così).
  • La scena della visita di corsa al Louvre è stata aggiunta come digressione da Godard, terrorizzato dal fatto che il film potesse risultare troppo “corto”, e improvvisata sul momento. Si poté girare grazie al nulla osta di André Malraux, scrittore e Ministro della cultura.
  • Il cognome del personaggio Arthur è Rimbaud, come il celebre poeta.
  • Sami Frey, l'attore di 24 anni che interpreta Franz, era il compagno dell'epoca di Brigitte Bardot: aveva conosciuto Godard a Roma, durante le riprese del film Il disprezzo, del quale Bardot era la protagonista.
  • Il libro Fool's Gold di Dolores Hitchens dal quale è tratto il soggetto, pubblicato in Francia con il titolo Pigeon vole, è stato consigliato al regista dall'amico François Truffaut.
  • Il ballo nel caffè è danzato su un Rhythm and blues scritto appositamente da Michel Legrand, che Anna Karina definisce Madison dance.[13] La Madison è un tipo di danza collettiva eseguita “in linea” con passi predeterminati in avanti, indietro e di lato. Nel film la danza non viene nominata, Godard la definisce “una quadriglia con passi modificati”.[5] Questa scena, girata in un cafè di Vincennes, è un omaggio del regista alla moglie, che ama ballare; le prove durano almeno 15 giorni e proseguono lungo quasi tutte le riprese, perché Sami Frey e Claude Brasseur ballano male. Esiste un servizio video dell'ORTF girato nel caffè di Vincennes il 6 marzo 1964 e trasmesso nel telegiornale delle 13 il giorno successivo: durante le riprese, mentre la musica suona in playback, Godard entra in scena, mette da parte gli attori e danza da solo insieme a Anna Karina. Forse uno degli ultimi gesti di tenerezza del regista per sua moglie, dalla quale divorzierà tra breve.[5]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paolo Mereghetti, Il Mereghetti. Dizionario dei film 2006, Baldini & Castoldi, 2005
  2. ^ Objectif 65 n. 33, Montréal, Canada, agosto/settembre 1965.
  3. ^ Jean Collet intervista Jean-Luc Godard, Télérama del 16 agosto 1964.
  4. ^ Alberto Farassino, Jean-Luc Godard, Milano, Il Castoro cinema, 2007.
  5. ^ a b c d e f g Antoine de Baecque, Godard, biographie, Paris, ed. Grasset, 2010.
  6. ^ Intervista di Antoine de Baecque con Anna karina, 13 maggio 2008.
  7. ^ Take One vol. I n. 10 , giugno 1968.
  8. ^ (EN) Adam Scovell, Avant Godard! – Part 2, Musical Subversion (Bande à Part and Pierrot Le Fou)
  9. ^ (EN) Richard Z. Santos, Dancing Around the Scene of the Crime
  10. ^ (EN) Martin Hynes Talks M. Ward, The Origins Of She & Him And The Music of 'The Go-Getter', 28 maggio 2008
  11. ^ (EN) The Dreamers (Bernardo Bertolucci), 18 maggio 2013
  12. ^ Esce il secondo singolo dei Baustelle, 29 marzo 2003
  13. ^ Intervista a Anna Karina contenuta in appendice all'edizione Criterion Collection in DVD del film.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema