Awilda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Awilda come compare nel The Pirates Own Book, pubblicato nel 1837.

Awilda (... – ...) è stata una pirata scandinava. Pare sia vissuta nel V secolo ma non tutti gli storici sono concordi sulla sua reale esistenza.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Awilda era la figlia di un re scandinavo. Quando suo padre organizzò il suo matrimonio con il principe ereditario di Danimarca, Alf, lei si ribellò e, insieme ad altre donne, si travestì da marinaio e partì con una nave nel Mar Baltico. Durante la navigazione, l'equipaggio formato da sole donne, incontrò una nave pirata sulla quale era da poco morto il capitano. Quattro giorni dopo, dopo aver mostrato il suo valore, Awilda divenne capitano della nave.

La sua ciurma divenne nota e temuta in tutta la Scandinavia. Allora il re di Danimarca inviò i suoi uomini migliori per combattere contro di loro, guidati dal figlio Alf. Quando Awilda, lo vide, fu così impressionata dal suo coraggio, che fermò la battaglia e dopo essersi fatta riconoscere, accettò di sposarlo.

Influenze nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Awilda ha ispirato il personaggio Albida del manga e anime One Piece.

Bibliografia e riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie