Ateneo di Naucrati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ateneo)
bussola Disambiguazione – "Ateneo" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Ateneo (disambigua).

Ateneo di Naucrati (... – dopo il 192) è stato uno scrittore greco antico.

Ateneo, vissuto tra il II e il III secolo, probabilmente nell'età di Commodo (180-192), è chiamato di Naucrati dal momento che, secondo i manoscritti della sua opera, visse nella città egizia di Naucrati.

Biografia e opere[modifica | modifica sorgente]

Scena di simposio, vaso attico a figure rosse

Di lui si sa poco, tranne ciò che si può estrapolare dai testi superstiti della sua opera. Ateneo scrisse almeno due opere che non ci sono giunte, ma è ricordato in particolare per la sua composizione Deipnosophistai (I Deipnosofisti o I dotti a banchetto ovvero I filosofi esperti dei misteri della culinaria) secondo il Liddell/Scott, redatti in quindici libri. Degli Stromateis è caduto il primo foglio, ma per felice combinazione le prime parole che si leggono sono: "affinché tu le legga, avendole a portata di mano, e possa conservarle" (evidentemente, le opere classiche e cristiane di cui la miscellanea è farcita).

Nell'opera Ateneo racconta all'amico Timocrate (secondo il modello classico del Simposio di Platone) un simposio, appunto, in cui uomini dotti si intrattengono in un dialogo in cui dibattono riguardo a un ampio spettro di argomenti. Lusso, dieta, salute, sesso, musica, umorismo e lessicografia greca sono tutti argomenti che vengono trattati, ma il centro del dialogo è il cibo, il vino e il divertimento. L'opera è inoltre una valida fonte per gli studi riguardanti l'omosessualità nella Grecia ellenistica.

Senza il lavoro di Ateneo sarebbero andate perdute molte importanti informazioni sul mondo antico e molti autori (incluso Archestrato di Gela) sarebbero rimasti totalmente sconosciuti.

All'interno del XV libro, inoltre, è presente una raccolta di 25 scolii attici risalente a fine VI-V secolo a.C. Si tratta di una collazione di brevi poesie legate all'uso di recitare, o improvvisare, versi simposiaci; alcune di esse furono quindi composte per improvvisazione durante un banchetto (e successivamente trascritte nella raccolta), altre sarebbero state composte, invece, al fine di essere in seguito recitate a convito. In ogni caso si sentono forti i tratti della recitazione orale e dell'improvvisazione, come si può osservare (all'interno di tutta la lirica greca) solo nella raccolta di elegie di Teognide (si veda in particolare la discussione relativa al secondo libro).

Edizioni dell'opera[modifica | modifica sorgente]

  • Ateneo, I Deipnosofisti, o Sofisti a banchetto, Libri 1. e 2., testo riveduto con note critiche e traduzione italiana a fronte con commento di Giuseppe Turturro. Adriatica, Bari 1961.
  • Ateneo, I Deipnosofisti - i dotti a banchetto (4 volumi). Salerno editrice. Roma 2001.
  • (EN) Athenaeus of Naucratis, The Deipnosophists, with an English translation by Charles Burton Gulick (7 voll.), London, W. Heinemann, ltd.; New York, G.P. Putnam’s sons, 1927-1941.
  • (EN) Athenaeus, The Learned Banqueteurs, edited and translated by S. Douglas Olson, Cambridge - London 2006
  • (FR) Les Deipnosophistes, trad. A. M. Desrousseaux et Ch. Astruc, Tome I (Livres I et II), Les Belles Lettres, coll. des Universités de France, Paris 1956
  • (DE) Athenaei Naucratitae Dipnosophistarum libri 15., Georg Kaibel (Hrsg.), 3 Bde., Teubner, Leipzig 1887–1890 (rist. Stuttgart 1985–1992).
  • (DE) Das Gelehrtenmahl, Ursula und Kurt Treu (Auswahl und Übers.), 2ª ed., Leipzig 1987. ISBN 3-7350-0029-0
  • (DE) Claus Friedrich (Einleitung und Übersetzung): Athenaios. Das Gelehrtenmahl Kommentiert von Thomas Nothers. Herausgegeben von Peter Wirth. Hiersemann, Stuttgart 1998. ISBN 978-3-7772-9813-9
  • (ES) Ateneo de Náucratis, Banquete de los eruditos, Introducción, traducción y notas de Lucía Rodríguez-Noriega Guillén, 1999 (XV libros, en prensa). Madrid: Editorial Gredos, ISBN 978-84-249-1977-1

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giuseppe Zecchini, La cultura storica di Ateneo, Milano, 1989.
  • Athenaeus and his world: reading Greek culture in the Roman Empire, a cura di David Braund e John Wilkins, University of Exeter Press, 2000. (collezione di 41 saggi su vari aspetti dell'opera di Ateneo).
  • Athénée et les fragments d'historiens, a cura di Dominique Lenfant, De Boccard, Paris, 2007.
  • Elena Fabbro, Carmina convivalia attica, Istituti Editoriali e Poligrafici Internazionali, Roma, 1995

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 100169636 LCCN: n/80/51703