Aérospatiale Alouette

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eurocopter (SNCASE/Aérospatiale)
SA 313 / SA 318 Alouette II
L'abitacolo di un' Alouette II tedesco
L'abitacolo di un' Alouette II tedesco
Descrizione
Tipo elicottero leggero utility
Equipaggio 1-3
Costruttore Francia SNCASE
Francia Sud Aviation
Francia Aérospatiale
Francia Eurocopter
Data primo volo 31 luglio 1952
Utilizzatore principale Francia forze armate francesi
Altri utilizzatori Germaniaforze armate tedesche
Esemplari oltre 1500
Sviluppato dal SE 3120 Alouette
Altre varianti Aérospatiale Alouette III
Aérospatiale Lama
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 9,70 m
Altezza 2,75 m
Diametro rotore 10,20 m
Peso a vuoto 895 kg
Peso max al decollo 1 600 kg
Propulsione
Motore una turbina Turboméca Artouse II C6
Potenza 360 shp
Prestazioni
Velocità max 185 km/h
Autonomia 565 km
Tangenza 4 300 m

[senza fonte]

voci di elicotteri presenti su Wikipedia
Alouette II SE3130 impiegato dall'aviazione leggera dell'esercito francese (Aviation Legere Armee de Terre - ALAT)
Alouette qui è raffigurato con 4 AS-10, versione aviolanciata dell'SS-10, missile controcarro di prima generazione
Alouette SE.3130 II, in precedenza V-54 delle Forze aeree svizzere, attualmente immatricolato nel Regno Unito come G-BVSD. Costruito nel 1964.

L'Aérospatiale Alouette II è un elicottero leggero utility monoturbina con rotore a tre pale, progettato in Francia dalla Société nationale des constructions aéronautiques du sud-est (SNCASE) poi Sud Aviation all'inizio degli anni cinquanta, in seguito diventata Aérospatiale.

L'Alouette II è stato il primo elicottero prodotto su scala industriale a utilizzare un motore a turbina al posto del più convenzionali e pesanti motori a pistoni.

È stato impiegato a partire dagli anni sessanta prevalentemente da operatori militari o governativi nel ruolo di elicottero da osservazione, aerofotografia, ricerca e salvataggio, collegamento e addestramento, ma è stato anche utilizzato in versione armata con missili anticarro e siluri a testata autocercante. Nei ruoli civili, è stato impiegato come eliambulanza (con due barelle esterne), per l'irrorazione dei campi coltivati e come gru volante grazie alla capacità di sollevare fino a 500 kg attaccati al gancio baricentrico.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il predecessore dell'Alouette II fu il SE 3120 Alouette. Questo elicottero venne prodotto in due esemplari e batté i record di velocità e distanza nel luglio 1953, ma risultò troppo complesso per l'impiego operativo. Il conseguimento dei record attirò l'attenzione sugli elicotteri del governo francese che però emise un ultimatum secondo il quale se non fosse entrato in produzione di serie un modello entro due anni, avrebbe abbandonato ogni interesse negli elicotteri. La SNCASE mise a punto 7 modelli di elicotteri con motore a turbina denominati da X.310A a X.310G. Dal punto di vista del motore, in precedenza, Joseph Szydlowski, il fondatore della Turboméca, era stato in grado di sviluppare l'Artouste, un motore a turbina da 260 shp a singolo albero derivato dall'Orédon. Venne scelto il modello X.310G design equipaggiato con l'Artouste e venne rapidamente avviata la produzione di serie del SE 3130 Alouette II.

L'SE 3130, volò la prima volta il 12 marzo 1955 e dopo circa tre mesi un Alouette II di preserie pilotato dal collaudatore Jean Boulet conseguì un nuovo record di altitudine di 8209 m il 6 giugno, arrivando a toccare i 10984 m il 13 giugno.

L'Alouette II fece notizia il 3 luglio 1956 successivo quando diventò il primo elicottero a portare a termine una missione di salvataggio in montagna, prelevando un alpinista che aveva sofferto un arresto cardiaco a oltre 4000 m e di nuovo il 3 gennaio 1957 quando un Alouette II venne utilizzato per portare soccorso all'equipaggio di un Sikorsky S-58 precipitato mentre a sua volta era impiegato nella ricerca gli alpinisti Jean Vincendon e François Henry dispersi sul Monte Bianco.

L'Alouette II ricevette il certificato di aeronavigabilità nazionale il 2 maggio 1957.

La produzione venne avviata inizialmente per soddisfare gli ordii emessi dalle forze armate francesi e gli ordini dei clienti civili. La versione militare fu il primo elicottero al mondo ad essere armato con missili anticarro (i Nord SS.11),[1]. AL termine della produzione nel 1975 erano stati costruiti oltre 1500 Alouette II, distribuiti tra 80 nazioni, comprese 47 forze armate diverse. È stato costruito anche su licenza in Brasile, Svezia, India e negli Stati Uniti d'America.

La società indiana Hindustan Aeronautics Limited costruì la versione SA 315B Lamas, rinominata Cheetah e regolarmente impiegata a 7500 metri di quota per collegamento con le postazioni e le basi aeree della Indian Air Force sulle montagne dell'Himalaya.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Angola Angola
Argentina Argentina
Austria Austria
  • 16
Belgio Belgio
  • 39
Benin Benin
Biafra Biafra
Bolivia Bolivia
Brasile Brasile
Cambogia Cambogia
  • 8
Camerun Camerun
Rep. Centrafricana Rep. Centrafricana
Cile Cile
Costa d'Avorio Costa d'Avorio
  • 2
Gibuti Gibuti
Rep. Dominicana Rep. Dominicana
  • 2
Ecuador Ecuador
El Salvador El Salvador
Finlandia Finlandia
  • 2
Francia Francia
  • 363
Germania Germania
  • 267
Guinea-Bissau Guinea-Bissau
India India
  • oltre 250 costruiti su licenza come HAL Cheetah
Indonesia Indonesia
  • 3
Israele Israele
  • 4
Laos Laos
  • 2
Libano Libano
  • 3
Messico Messico
  • 2
Marocco Marocco
  • 14
Paesi Bassi Paesi Bassi
  • 8
Pakistan Pakistan
  • 12
Perù Perù
  • 6
Portogallo Portogallo
  • 7
Regno Unito Regno Unito
Romania Romania
  • 2
Senegal Senegal
Corea del Sud Corea del Sud
Sudafrica Sudafrica
Vietnam del Sud Vietnam del Sud
Svezia Svezia
  • 25
Svizzera Svizzera
  • 30
Togo Togo
Tunisia Tunisia
  • 8
Turchia Turchia
Zaire Zaire
  • 3

Esemplari attualmente esistenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Helicopters at War - Blitz Editions, Page, 63, ISBN 1-85605-345-8
  2. ^ Riccardo Braccini, Il Museo dell'Aviazione di Bucarest in jp4 mensile di Aerounautica e Spazio, nº 11, novembre 2010, pp. 82 a.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]