Zales'e

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lo Zales'e (russo: Залесье, «oltre i boschi») o Opol'e (Ополье, «nei campi») è una regione storica russa, comprendente la parte settentrionale e occidentale dell'oblast' di Vladimir, quella nord-orientale dell'oblast' di Mosca e quella meridionale dell'oblast' di Jaroslavl'. Nucleo del Principato di Vladimir-Suzdal, quest'area giocò un ruolo di primo piano nello sviluppo del futuro Stato russo.

Il nome allude alle fitte foreste che durante il medioevo separavano il Principato di Rostov dalla Repubblica di Novgorod e dai Principati dello Dneper. Prima dell'arrivo degli Slavi, avvenuto nel IX secolo, l'area era abitata dai Merja, dai Muromi e altre tribù finniche. Con il passare del tempo gli slavi e i finnici si mescolarono etnicamente e culturalmente; quest'amalgama costituì la nascita della moderna nazione russa.

Nel XII secolo quest'area fertile, essendo ben protetta dalle incursioni tatare grazie alle sue foreste, vide l'immigrazione di un gran numero di persone provenienti dall'ormai devastata Rus' di Kiev. La popolazione dell'area crebbe tanto rapidamente che nel 1124 Jurij Dolgorukij decise di trasferire in via definitiva il soglio del suo principato da Rostov, situata sull'alto corso del Volga, a Suzdal', allo Zales'e, come già aveva fatto suo padre Vladimir II Monomaco nel 1093.

Suzdal' era la città più antica e più importante dello Zales'e. Altri importanti insediamenti urbani furono fondati o ampliati dallo stesso Jurij, come Pereslavl'-Zalesskij (1152), Jur'ev-Pol'skij (1152), Dmitrov (1154), Starodub sul Kljazma (1152), Ksnjatin (1136), e Jaropolč-Zalesski (1136). Gli attributi Zalesskij ("oltre i boschi") e Pol'skij ("campestre") furono utilizzati per distinguere le nuove città dalle omonime preesistenti e site nelle moderne Ucraina e Lituania.

Essendo in perenne attrito con i potenti boiardi di Suzdal', Jurij pensò di spostare la capitale del principato da quest'ultima alla nuova città di Pereslavl'-Zalesskij. La sua morte improvvisa non gli permise di portare a termine il proprio intento, ma suo figlio, Andrea I il Pio, spostò ugualmente il soglio ad un'altra città di nuova fondazione, Vladimir. L'antica nobiltà di Rostov e Suzdal' per tutta risposta organizzò un attentato contro il sovrano, dopo la cui uccisione scoppiò una breve guerra civile per la supremazia nello Zales'e.

Durante l'invasione mongola della Russia, dopo che i boschi furono gradualmente abbattuti e nuovi centri di potere sorsero nelle città di Mosca e Tver', l'importanza strategica dello Zales'e declinò. Nuovi centri urbani si svilupparono attorno a famosi monasteri (come Sergiev Posad e Kiržač) o residenze reali (come Aleksandrov e Radonež).

A volte il termine Zales'e è utilizzato per indicare la vasta area che si trova tra l'alto corso del Volga e il basso corso del fiume Kljazma. In tale accezione risulta equipollente al territorio dell'anello d'Oro.

Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Russia