Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Yakumo tatsu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Yakumo tatsu
八雲立つ
Genere soprannaturale
Manga
Autore Natsumi Itsuki
Editore Hakusensha
Rivista LaLa
Target shōjo
1ª edizione 19 ottobre 1992 – 5 novembre 2002
Tankōbon 19 (completa)
OAV
Yakumo tatsu
Autore Natsumi Itsuki
Regia Tomomi Mochizuki
Soggetto Go Sakamoto
Sceneggiatura Tomomi Mochizuki
Char. design Yuko Kusumoto
Dir. artistica Hidetoshi Kaneko
Musiche Hajime Mizoguchi
Studio Pierrot, Bandai Visual
1ª edizione 25 ottobre – 25 novembre 1997
Episodi 2 (completa)
Durata ep. 29 min

Yakumo tatsu (八雲立つ? lett. "Molte nuvole si alzano") è un manga shōjo di Natsumi Itsuki pubblicato da Hakusensha, adattata poi in anime da Pierrot in due episodi OAV.

Titolo[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo, Yakumo Tatsu, riprende l'omonimo componimento poetico giapponese legato alla terra di Izumo e attribuito alla creatura mitologica di Susanoo, che compose tale opera dopo aver sposato la principessa Kushinada in quelle terre.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Manga[modifica | modifica wikitesto]

Anime[modifica | modifica wikitesto]

Quando Takeo Nanachi si reca assieme al gruppo di teatro dell'università nell'entroterra giapponese perché il capo della compagnia trovi ispirazione per il prossimo spettacolo, il giovane fa conoscenza del misterioso Kuraki Fuzushi. Kuraki è figlio dello sciamano del villaggio e per questo destinato a succedergli nel titolo di miko, questa volta nell'accezione di “sacerdote asessuato tramite fra dèi e uomini”.

L'arrivo della compagnia coincide con la festa del villaggio tenuta per salutare la successione di miko; preoccupato che degli stranieri possano interferire con le energie sprigionate per l'avvenimento, Kuraki cerca di scacciare l'invadente gruppo facendo pressione soprattutto su Takeo.

Quando ormai la sceneggiatura ha preso forma nella mente del senpai Kitano, il gruppo riparte, ma un guasto alla macchina li costringe a fermarsi. Takeo torna al villaggio, ma finisce per assistere suo malgrado alla cerimonia d'iniziazione di Kuraki durante la quale il rito vuole che il giovane tagli la testa al predecessore. Kuraki, costretto all'omicidio del padre dà la caccia all'intruso finché questi lo fa rinsavire.

Kuraki, turbato, apre il proprio cuore al ragazzo raccontandogli della sua condizione di figlio illegittimo e del potere che da sempre lo accompagna: il giovane infatti è in grado di attirare i nen spiriti maligni e manipolare i più deboli di quelli.

Lasciati soli i compagni di viaggio di Takeo, Kitano viene quasi ucciso dall'attrice Yasuko che non accetta di vedersi sottratto il ruolo di protagonista da una nuova favorita di Kitano. Il regista inizia a fuggire per i boschi, ma non sfugge la coltello di Yasuko che, spargendo sangue sul terreno sacro, risveglia un'antica maledizione.

Solo grazie all'intervento congiunto di Kuraki e Takeo, lo sciamano e il figlio di una famiglia di fabbri dalle capacità divine e dal passato affine a quello dei Fuzushi, viene riportata la pace ad Izumo.

Dopo gli avvenimenti, Kuraki lascia la casa e il villaggio alla sorella e decide di stabilirsi a Tokyo per studiare, dove risiede anche l'amico Nanachi.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Takeo Nanachi
Doppiato da Daisuke Namikawa
Kuraki Fuzushi
Doppiato da Tomokazu Seki

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]