Villa Badoer Fattoretto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Villa Badoer Fattoretto
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàSambruson
Indirizzovia E. Tito, 2
Coordinate45°25′30.3″N 12°05′45.9″E / 45.425083°N 12.096083°E45.425083; 12.096083Coordinate: 45°25′30.3″N 12°05′45.9″E / 45.425083°N 12.096083°E45.425083; 12.096083
Informazioni generali
Condizioniin uso
CostruzioneXVIII-XIX secolo
Usoabitazione (villa), museo (annessi rustici)
Realizzazione
Proprietariofamiglia Fattoretto
Committentefamiglie Badoer, De Chantal

Villa Badoer, De Chantal, Fattoretto è una villa veneta situata a Sambruson di Dolo, lungo la Riviera del Brenta.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La villa fu rimaneggiata nel XVIII secolo dandole l'attuale aspetto. Al corpo centrale è affiancata una barchesse per parte con la casa del custode.

È circondata da un vasto parco. L'invaso del laghetto fu scavato dal barone De Chantal poiché, secondo il suo custode, nella villa era custodito un tesoro nascosto secoli prima da dei monaci.

In alcune sale della villa i proprietari hanno allestito il "Museo del Villano", raccolta di numerosissimi utensili e manufatti che raccontano la vecchia cultura contadina locale.

La villa, gravemente decaduta, è stata restaurata ed abbellita nel 1964 dall'architetto Piero Pra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I documenti testimoniano che la famiglia patrizia dei Badoer aveva proprietà nella zona sin dall'inizio del XVI secolo; si suppone che a questo periodo risale il nucleo originale della costruzione.

Nel 1846 i Badoer vendettero la villa a Giacinto Foratti. Da questo momento la villa passò a numerosi proprietari: fu di Giovanni Maurogordato (1852), di Carlo Bragato (1879), di Vincenzo Ferrari Bravo (1884), di Teodolinda Breda (1900) e di Carlo De Chantal (1903).

Durante la seconda guerra mondiale la villa fu requisita e trasformata in ospedale militare tedesco, quindi divenne un magazzino dell'esercito inglese, subendo un notevole deterioramento.

Nel 1945 fu infine acquistata da Ulderico Fattoretto che vi ha installato un'azienda vinicola, tuttora continuata dal figlio Luigino.