Unione per la Repubblica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il partito politico sammarinese, vedi Unione per la Repubblica (San Marino).
Unione per la Repubblica
LeaderFrancesco Cossiga
StatoItalia Italia
AbbreviazioneUpR
Fondazione5 novembre 1999
Dissoluzione21 maggio 2001
Confluito inForza Italia
IdeologiaCristianesimo democratico
CollocazioneCentro
CoalizioneIl Trifoglio
Seggi massimi Camera
8 / 630
 (1999)

L'Unione per la Repubblica (UpR) è stato un partito politico italiano attivo tra il 5 novembre 1999[1] e il 21 maggio 2001[2][3].

La formazione fu creata su iniziativa del senatore a vita Francesco Cossiga, reduce dall'esperienza dell'Unione Democratica per la Repubblica da lui fondata.

Alla Camera, l'Upr raccolse l'adesione di otto deputati[4]. Di questi, sei appartenevano al gruppo di Rinnovamento Italiano: Giorgio Rebuffa e Angelo Sanza, che in precedenza avevano aderito all'UDR, Demetrio Errigo, Bonaventura Lamacchia, Gianfranco Saraca e Ernesto Stajano. A questi si aggiunsero due deputati provenienti dal Partito Popolare Italiano, Andrea Guarino e Paolo Manca; entrambi avevano fatto parte di Rinnovamento Italiano.

L'UpR, tuttavia, non si costituì mai in gruppo parlamentare. Il movimento aderì comunque alla coalizione del Trifoglio insieme ai Socialisti Democratici Italiani e al Partito Repubblicano Italiano: in questo contesto, l'UpR avrebbe dovuto costituire l'anima cristiano democratica.

Il movimento rimase privo di grandi visibilità. Dopo la fine del Trifoglio[5] e alcune defezioni (Lamacchia e Saraca aderirono all'UDEUR)[6], Cossiga invitò i suoi membri ad aderire a Forza Italia[7]. Fu così che Errigo, Guarino, Rebuffa, Sanza e Stajano aderirono al partito di Silvio Berlusconi. Manca restò invece nel gruppo misto.

Note[modifica | modifica wikitesto]