Una vita violenta (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una vita violenta
Unavitaviolenta.jpg
Una scena del film
Titolo originaleUna vita violenta
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1962
Durata115 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico
RegiaPaolo Heusch, Brunello Rondi
SoggettoPier Paolo Pasolini
SceneggiaturaPaolo Heusch, Brunello Rondi, Franco Solinas
ProduttoreMoris Ergas
Casa di produzioneZebra Film, Aera Films
FotografiaArmando Nannuzzi
MontaggioNino Baragli
MusichePiero Piccioni
Interpreti e personaggi

Una vita violenta è un film del 1962 diretto da Paolo Heusch e Brunello Rondi, tratto dall'omonimo romanzo di Pier Paolo Pasolini.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film, ambientato alla fine degli anni 50, narra la storia di Tommaso Puzzilli, un ragazzo di Roma cresciuto nella periferia di Pietralata. Non avendo un lavoro, Tommaso si arrangia insieme agli amici commettendo dei reati per guadagnare soldi. Una mattina un suo amico ha un incidente e finisce sotto un tram.

Dopo questo episodio Tommaso si allontana dagli amici e incontra una ragazza, Irene. Dopo il primo appuntamento al cinema, dove Tommaso allunga le mani, Irene non si fa più vedere; allora Tommaso insieme ad altri amici va a fare la serenata sotto casa di Irene, nel quartiere della Garbatella, ma le cose vanno male: Tommaso e i suoi amici si scontrano con dei ragazzi della zona e alla fine Tommaso ne accoltella uno. Ricercato dalla polizia, viene arrestato e finisce in carcere.

Dopo 18 mesi esce, intenzionato a cambiare vita. Nel frattempo i genitori ottengono una casa in una zona migliore e Tommaso con l'aiuto di un prete decide di mettere la testa a posto e sposare Irene. Quando le cose sembrano andare bene Tommaso si ammala di tubercolosi, e le cose andranno sempre peggio.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema