Un uomo senza patria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un uomo senza patria
Titolo originale A Man Without a Country
Autore Kurt Vonnegut
1ª ed. originale 2005
Genere saggio
Lingua originale inglese
« Le comunità virtuali non costruiscono nulla. Non ti resta niente in mano. Gli uomini sono animali fatti per danzare. Quant'è bello alzarsi, uscire di casa e fare qualcosa. Siamo qui sulla Terra per andare in giro a cazzeggiare. Non date retta a chi dice altrimenti. »
(Kurt Vonnegut)

Un uomo senza patria (A Man Without a Country) è una raccolta di brevi saggi, inizialmente pubblicati sulla rivista "In These Times", dello scrittore statunitense Kurt Vonnegut e raccolti nel 2005.

Dodici capitoli, introdotti da illustrazioni realizzate dallo stesso autore, che spaziano dall'importanza dell'umorismo ai ricordi dell'assedio di Dresda, dalla passione per il blues ai problemi legati alle nuove tecnologie.

Il nucleo principale è rappresentato da brani sulla moderna società americana, una critica profonda ad una patria in cui lo scrittore non riesce più a riconoscersi.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Edizione originale

Edizioni italiane

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura