Turbomeca Arriel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Turbomeca Arriel
Turboméca Arriel cutaway.jpg
Spaccato di un Turbomeca Arriel 1
Descrizione
Costruttore Francia Turbomeca
Tipo Turboalbero
Compressore uno stadio assiale ed uno centrifugo
Turbina uno (Arriel 2) o due (Arriel 1) stadi + uno stadio di turbina libera
Peso
A vuoto 111 - 139 kg (a seconda delle versioni)
Prestazioni
Potenza 700 - 950 shp
Utilizzatori AgustaWestland AW109
Eurocopter Dauphin
Aérospatiale AS 350 Écureuil
Note
dati ricavati dai Type Certificate EASA
voci di motori presenti su Wikipedia

Turbomeca Arriel è una famiglia di motori turboalbero costruiti dalla francese Turbomeca a partire dalla metà degli anni settanta.[1]

Disponibile in due varianti principali (Arriel 1 ed Arriel 2) per un totale di 28 versioni, ha riscosso un notevole successo commerciale venendo prodotto in più di 10700 esemplari ed equipaggiando un gran numero di elicotteri civili e militari.

Storia del progetto[modifica | modifica sorgente]

Nei primi anni settanta la Turbomeca finanziò un progetto interno di motore turboalbero destinato a sostituire i precedenti modelli di Artouste e Astazou puntando su nuovi materiali, semplicità costruttiva e minori requisiti manutentivi in modo da favorirne l'impiego su piccoli elicotteri a turbina. Il nucleo del motore (il generatore di gas) girò al banco per la prima volta il 26 settembre del 1973.[2] Il 5 dicembre del 1974 l'Arriel eseguì il suo primo volo installato a bordo di un Gazelle appositamente modificato;[3] nel febbraio del 1975 iniziarono le prove sull'AS 350, mentre le versioni 1A e 1B furono certificate dall'autorità francese (DGAC) il primo giugno 1977.[4]

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

L'Arriel è un turboalbero che si compone di cinque moduli principali (compressore, generatore di gas, turbina di potenza, gruppo di riduzione e scatola ingranaggi accessori comprensiva di albero di trasmissione) che facilitano la manutenzione riducendo i tempi di riparazione o revisione del motore.

Il compressore è caratterizzato da uno stadio assiale seguito da uno centrifugo a valle del quale è posta la camera di combustione di tipo anulare. Le due varianti principali si distinguono per il numero degli stadi di turbina nel generatore di gas (uno per l'Arriel 2 e due per l'Arriel 1) e per il sistema di controllo del motore di tipo idromeccanico per l'Arriel 1 e FADEC per l'Arriel 2.

La turbina di potenza (libera e quindi indipendente dall'albero motore del generatore di gas) è a singolo stadio ed è collegata all'albero di trasmissione del gruppo riduttore di giri ad ingranaggi posto nella parte posteriore del motore che ne abbassa la velocità da più di 40.000 giri al minuto della turbina libera a circa 6.000. La scatola ingranaggi per gli accessori del motore è invece installata nella parte anteriore ed è collegata all'albero del generatore di gas.[5][6]

Versioni[modifica | modifica sorgente]

Arriel 1 1[7] 1A 1A1 1A2 1B 1B2[7] 1C 1C1 1C2 1D 1D1 1E[7] 1E2 1K 1K1 1S 1S1
Lunghezza (m) - 1,12 1,12 1,12 1,21 - 1,17 1,17 1,17 1,26 1,20 - 1,19 1,17 1,17 1,54 1,54
Altezza (m) - 0,6 0,6 0,61 0,6 - 0,61 0,61 0,61 0,61 0,61 - 0,7 0,61 0,61 0,79 0,79
Larghezza (m) - 0,41 0,41 0,41 0,44 - 0,41 0,47 0,47 0,49 0,47 - 0,49 0,5 0,5 0,49 0,49
Peso (kg) - 111 111 116,5 114,5 - 116,5 118,6 119 122,5 122 - 125 121 123 126,75 130
Potenza[8] (kW) - 466 470 470 478 - 492 526 550 510 531 - 528 476 494 523 541
Arriel 2 2B 2B1 2B1A 2B1B 2D 2C 2C1 2C2 2S1 2S2 2E
Lunghezza (m) 1,181 1,140 1,140 1,140 1,177 1,181 1,015 1,015 1,539 1,539 1,182
Altezza (m) 0,616 0,616 0,616 0,616 0,616 0,616 0,576 0,576 0,715 0,715 0,616
Larghezza (m) 0,498 0,491 0,491 0,491 0,500 0,498 0,498 0,498 0,504 0,497 0,508
Peso (kg) 134,0 132,2 129,2 132,2 132,9 131,0 129,2 131,5 131,2 131,0 139,2
Potenza[8] (kW) 557 557 501 557 598 531 581 612 601 601 445

Aeromobili utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gunston 1989, p.170.
  2. ^ (EN) Turbomeca Profile - Arriel in Flight International, 1974. URL consultato il 17 settembre 2013.
  3. ^ (EN) World News - Arriel flies in Flight International, 1975. URL consultato il 17 settembre 2013.
  4. ^ TURBOMECA Arriel 1 series engines - EASA Type Certificate Data Sheet.
  5. ^ (EN) Brochure dell'Arriel 1. URL consultato il 12 settembre 2013.
  6. ^ (EN) Brochure dell'Arriel 2. URL consultato il 12 settembre 2013.
  7. ^ a b c Certificato di tipo ritirato il 19 novembre 1999
  8. ^ a b nominale al decollo

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bill Gunston, World Encyclopedia of Aero Engines, Wellingborough, Patrick Stephens, 1986, p. 166.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]