Tuber mesentericum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tuber mesentericum
Tuber mesentericum de La Mothe Saint Heray.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Ascomycota
Sottodivisione Pezizomycotina
Classe Pezizomycetes
Ordine Pezizales
Famiglia Tuberaceae
Genere Tuber
Specie T. mesentericum'
Nomi comuni

Tartufo Nero di Bagnoli Irpino

Il tuber mesentericum Vittad. è un tartufo nero ordinario anche conosciuto come tartufo nero di Bagnoli Irpino[1].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Forma e colore[modifica | modifica wikitesto]

Di forma globosa ed abbastanza regolare, presenta una depressione basale caratteristica. Il colore del peridio è nero o brunastro con verruche molto più piccole del Tuber Aestivum. La polpa è di colore giallastro, marrone o grigio-bruno con venature chiare e andamento a labirinto.

Profumo e sapore[modifica | modifica wikitesto]

Il profumo è caratteristico e molto intenso ed ottimo per insaporire il cibo, si gratta sul cibo e si mangia esclusivamente crudo

Piante simbiontiche ed ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Ambiente: generalmente vive su terreni ricchi di calcare. In simbiosi con carpino, faggio, acero. La caratteristica depressione e il particolare aroma intenso lo rendono facilmente riconoscibile.

Periodo di maturazione/raccolta[modifica | modifica wikitesto]

In Italia è consentita la raccolta dal 1º settembre al 31 gennaio.[2]

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Ottima, per insaporire i cibi da grattare o mangiare esclusivamente da crudo[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tuber mesentericum, Regione Campania.
  2. ^ Normativa 1842 (PDF), Ministero della Salute italiano.
  3. ^ http://www.laceno.net/il-tartufo-nero.html

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]