Trattato delle Svalbard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Trattato delle Svalbard (Traité concernant le Spitzberg - Treaty concerning Spitsbergen)
Svalbard signatories.png
Tipotrattato plurilaterale
Firma9 febbraio 1920
LuogoParigi, Francia
Efficacia14 agosto 1925
CondizioniRatifica di tutti i firmatari.
Parti46
DepositarioFrancia Francia
Linguefrancese, inglese
voci di trattati presenti su Wikipedia

Il trattato delle Svalbard, o delle Spitzberg (come all'epoca erano note le isole dell'arcipelago) (in lingua norvegese Traktat angående Spitsbergen o Svalbardtraktaten) è un trattato internazionale firmato il 4 febbraio 1920 riguardante le Isole Svalbard.

Il trattato nasce a seguito di una lunga disputa legale sulla giurisdizione internazionale delle isole Svalbard (a lungo disabitate e utilizzate unicamente come base per la caccia alla balena). Il trattato riconosce alla Norvegia la sovranità, ma tale sovranità è soggetta ad una serie di restrizioni, che fanno sì che non tutte le leggi norvegesi possano esservi applicate. In particolare il trattato stabilise la demilitarizzazione dell'arcipelago e concede a tutti i Paesi firmatari di avviare attività commerciali nell'arcipelago posto nel cuore dell'artico.

Inizialmente al momento della stipula il 9 Febbraio 1920, i Paesi firmatari erano quattordici: Norvegia, Stati Uniti d’America, Danimarca, Francia, Italia, Giappone, Paesi Bassi, Gran Bretagna e Irlanda, Svezia. Ad essi, molti altri si sono poi aggiunti, fino al numero attuale di quarantasei.

In virtù del diritto di sfruttamento delle risorse presenti in questo arcipelago, le miniere di carbone presenti sulle Svalbard (intorno alla cittadina di Barentsburg) sono state sfruttate da minatori provenienti dall'Unione Sovietica e in seguito dalla Russia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]