Trattamento superficiale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

I trattamenti superficiali sono una vasta gamma di processi industriali che alterano la superficie di un prodotto lavorato per ottenere una determinata proprietà. I processi di finitura possono essere impiegati per: migliorare l'aspetto, l'adesione o la bagnabilità, la saldabilità, la resistenza alla corrosione, la resistenza all'ossidazione, la resistenza chimica, la resistenza all'usura, la durezza, la modifica della conducibilità elettrica, la rimozione di sbavature e altri difetti superficiali e il controllo dell'attrito superficiale.[1][2] In casi limitati alcune di queste tecniche possono essere utilizzate per ripristinare le dimensioni originali per salvare o riparare un oggetto usurato o danneggiato. Una superficie non finita è spesso chiamata grezza .

I processi di finitura superficiale possono essere classificati in base al modo in cui incidono sul pezzo:

  • Aggiunta o modifica della finitura (modifica o aggiunta di materiale superficiale)
  • Rimozione o rimodellamento della finitura (asportazione di materiale)

I processi meccanici possono anche essere classificati insieme a causa di somiglianze della finitura superficiale finale .

Aggiunta e modifica[modifica | modifica wikitesto]

Rimozione e rimodellamento[modifica | modifica wikitesto]

Finitura meccanica[modifica | modifica wikitesto]

I processi di finitura meccanica includono:[3]

L'uso di abrasivi nella lucidatura dei metalli porta a quella che viene considerata una "finitura meccanica".[3]

Denominazioni di finiture metalliche[modifica | modifica wikitesto]

Finitura n. 3

Conosciuto anche come rettifica, sgrossatura o molatura grossolana. Queste finiture sono di natura grossolana e di solito sono una finitura preliminare applicata prima della produzione. Un esempio potrebbe essere, per esempio, la rimozione dei canali di fusione, sbavatura o rimozione di materiale di saldatura in eccesso. Ha un aspetto ruvido e si applica usando un abrasivo a grana 36–100.[4]

Quando la finitura è specificata come n. 3, il materiale viene carteggiato con una grana uniforme di 60–80.

Finitura n. 4 architettonica

Conosciuto anche come spazzolatura, direzionale o satinata. Una finitura architettonica n. 4 è caratterizzata da raffinate linee di levigatura dall'aspetto uniforme e direzionale. Viene prodotto lucidando il metallo con un nastro di carta vetrata a grana 120-180 oppure con un disco a grana 80-120.

Finitura n. 5 lattiero-casearia o sanitaria

Questa finitura è comunemente usata per l'industria medica e alimentare e quasi esclusivamente per l'acciaio inossidabile. Questa finitura è molto più fine di una finitura architettonica n. 4. Questa finitura migliora l'aspetto fisico del metallo e aumenta i benefici sanitari.[5] Si presta molta attenzione a rimuovere eventuali difetti superficiali nel metallo, come le fosse, che potrebbero consentire ai batteri di crescere. Una finitura lattiero-casearia o sanitaria n. 4 viene prodotta lucidando con un nastro abrasivo a grana 180–240 o un disco ammorbidito con una mescola senza grasso a grana 120–240.

Finitura n. 6

Conosciuto anche come una finitura satinata fine. Questa finitura viene prodotta lucidando con una cinghia o una ruota di grana 220-280 ammorbidita con una mescola senza grasso 220-230 o una cinghia o un cuscinetto abrasivo non tessuto molto fine. Le linee di lucidatura saranno morbide e meno riflettenti di una finitura architettonica n. 4.

Finitura n. 7

Una finitura n. 7 viene prodotta lucidando con una cinghia o ruota 280–320 e lucidando di sisal con una mescola tagliata e colorata. Questa è una finitura semilucida che avrà ancora alcune linee di lucidatura ma saranno molto opache. L'acciaio al carbonio e il ferro sono comunemente lucidati con una finitura n. 7 prima della cromatura. Una finitura n. 7 può essere resa brillante da una lucidatura a colori con composto colorante e un tampone di cotone. Questo è comunemente applicato per contenere i costi di lucidatura quando una parte deve essere lucida ma non impeccabile.

Finitura n. 8

Conosciuto anche come finitura a specchio. Questa finitura viene prodotta mediante lucidatura con almeno una finitura a nastro o ruota da 320 grana. Ci si assicurerà che tutti i difetti superficiali vengano rimossi. La parte viene lucidata in sisal e quindi lucidata a colori per ottenere una finitura a specchio. La qualità di questa finitura dipende dalla qualità del metallo da lucidare. Alcune leghe di acciaio e alluminio non possono essere lucidate a specchio. Anche i getti che hanno scorie o fosse saranno difficili, se non impossibili, da lucidare a un n. 8.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://www.impreglon.it/proprieta/.
  2. ^ Degarmo, p. 18.
  3. ^ a b Copia archiviata. URL consultato il 6 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016)..
  4. ^ http://www.wagnercompanies.com/site/Viewer.aspx?iid=2025&mname=Article&rpid=516. .
  5. ^ http://www.ofrmetals.com/services/polishing

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Degarmo, E. Paul; Black, J T.; Kohser, Ronald A., Materials and Processes in Manufacturing, 9th, Wiley, 2003, ISBN 0-471-65653-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4042908-8