Torta d'erbi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Torta d'erbi
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioniLiguria
Toscana
DiffusioneLunigiana
Zona di produzionePontremoli, Aulla, Villafranca in Lunigiana
Dettagli
Categoriaprimo piatto
Ingredienti principali
  • farina
  • bietole
[1][2]

La torta d'erbi, piatto povero tipico lunigianese ed in particolare di Pontremoli[1], è una torta salata ripiena di verdure[3], solitamente servita calda appena estratta dai testi, metodo di cottura di pane, focacce e torte, classico della zona in questione[4].

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

La torta si cucina preparando una normale sfoglia con acqua, farina, sale e un filo d'olio d'oliva; stesa bene la sfoglia nella teglia dei testi, si riempie con un composto di cipollotti, porri, coste o bietole ed eventualmente spinaci, con l'aggiunta di parmigiano e/o pecorino sale e olio. Si ricopre il tutto con un'altra sottile sfoglia e si inforna per circa 30-35 minuti.

La ricetta tradizionale prevede l'uso quasi integrale di erbe selvatiche, come la borragine, anche se è ormai è usuale l'impiego di cipollotti, porri e bietole. La verdura viene infornata a crudo, ma dopo averla fatta macerare con un poco di sale per farle perdere l'acidità, e quindi risciacquata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Paolo Petroni, Il grande libro della vera cucina toscana, Giunti Editore, 2010, ISBN 88-09-75434-4.
  2. ^ Torta d'erbi, su tarasco.it. URL consultato il 24 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2015).
  3. ^ Torta d'erbi della Lunigiana, su terredilunigiana.com. URL consultato il 24 giugno 2015.
  4. ^ Giuseppe Rocca, Dal prototurismo al turismo globale momenti, percorsi di ricerca, casi di studio, G Giappichelli Editore, 2013, p. 350, ISBN 978-88-348-1056-9.