Tito Annio Lusco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tito Annio Lusco
Nome originaleTitus Annius Luscus
FigliTito Annio Lusco Rufo
GensAnnia
PadreTito Annio Lusco
Consolato153 a.C.

Tito Annio Lusco[1] (in latino: Titus Annius Luscus; ... – ...) è stato un politico romano, console della Repubblica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Come riportato nei fasti consulares, fu eletto console nel 153 a.C. con Quinto Fulvio Nobiliore.

Nel 133 a.C. viene citato tra gli oppositori di Tiberio Gracco e si dice che durante un comizio fosse riuscito a rendere manifeste le intenzioni del tribuno con una domanda insidiosa [2].

Ebbe una discreta fama come oratore, come riporta Cicerone [3]; una parte di un suo discorso è riportata da Pescennio Festo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Lucio Postumio Albino
e
Quinto Opimio
(153 a.C.)
con Quinto Fulvio Nobiliore
Lucio Valerio Flacco
e
Marco Claudio Marcello III