Tigri asiatiche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le tigri asiatiche (in rosso)

"Tigri asiatiche" è il nome che è stato attribuito verso la fine degli anni novanta principalmente a quattro paesi asiatici per via del loro ininterrotto sviluppo degli ultimi decenni , durato fino alla crisi del 1998 , anche se questo termine si può riferire alla maggioranza dei mercati in rapida crescita nell'estremo oriente. Il termine di Quattro Dragoni è stato spesso usato come sinonimo di tigri asiatiche e si riferisce alle stesse quattro nazioni.

Questi paesi sono:

Tigri minori[modifica | modifica wikitesto]

La definizione di tigri asiatiche con l'uso arrivò a comprendere un po' tutte le economie emergenti del Sud Est asiatico. Talvolta alle quattro economie emergenti maggiori dell'area venivano affiancate le così dette "Tigri minori" o "piccole tigri" ovvero altri quattro stati:

Nonostante la distanza in termini economici dalle maggiori economie dell'area, ma tuttavia grazie al loro sviluppo negli anni novanta che le allontanò dall'economia di pura sussistenza, anche il Vietnam e la Cambogia saltuariamente venivano incluse nella definizione di tigri asiatiche.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]