Tigri asiatiche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le tigri asiatiche (in rosso)

Tigri asiatiche, quattro draghi o quattro dragoni è il nome attribuito verso la fine degli anni novanta principalmente a quattro Paesi asiatici per via del loro ininterrotto sviluppo degli ultimi decenni, durato fino alla crisi del 1998, anche se questo termine si può riferire alla maggioranza dei mercati in rapida crescita nell'Estremo Oriente.

Questi Paesi sono:

Tigri minori[modifica | modifica wikitesto]

La definizione di tigri asiatiche con l'uso arrivò a comprendere un po' tutte le economie emergenti del sud-est asiatico. Talvolta alle quattro economie emergenti maggiori dell'area venivano affiancate le cosiddette "tigri minori" o "piccole tigri" ovvero altri quattro Stati:

Nonostante la distanza in termini economici dalle maggiori economie dell'area, ma grazie al loro sviluppo negli anni novanta che le allontanò dall'economia di pura sussistenza, anche il Vietnam e la Cambogia saltuariamente venivano incluse nella definizione di tigri asiatiche.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]