The Room

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Room
THEROOMohhimark.png
Una scena del film
Titolo originaleThe Room
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2003
Durata99 min
Generedrammatico
RegiaTommy Wiseau
SoggettoTommy Wiseau
SceneggiaturaTommy Wiseau
FotografiaTodd Barron
MontaggioCurtiss Clayton
MusicheMladen Milicevic
Interpreti e personaggi

The Room è un film indipendente del 2003 diretto da Tommy Wiseau, al suo primo lungometraggio come regista.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Johnny è un bancario di successo convinto che la propria vita sia felice e spensierata e progetta di sposarsi con la sua fidanzata, Lisa, con cui convive da sette anni.

La ragazza, tuttavia, è innamorata di Mark, il migliore amico di Johnny, e vorrebbe lasciare il fidanzato per stare con lui; viene però scoraggiata dalla madre, che preme affinché sposi Johnny per via della migliore situazione economica e della stabilità che potrebbe darle, e anche Michelle, la sua migliore amica, le fa notare che il suo comportamento nei confronti del fidanzato è scorretto.

Johnny, poco alla volta, prende consapevolezza che Lisa non lo ama più e inoltre si trova a dover fare i conti con i diversi problemi che il suo giovane amico Denny causa. Messa di fronte alle prove del suo tradimento, Lisa smette di negare e abbandona Johnny; questi, per la disperazione, si suicida con una pistola sottratta a uno spacciatore amico di Denny.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata molto criticata praticamente dovunque a causa di fattori come la recitazione ritenuta pessima e l'inconsistenza della trama, contenente errori di continuità, sottotrame non sviluppate o non spiegate come il cancro al seno della madre di Lisa o la vicenda dello spacciatore in cui è coinvolto Denny e la presenza di scene inutili ai fini della narrazione come quella dell'allenamento di football.

La celebre rivista Entertainment Weekly lo ha definito "Il Quarto potere dei film brutti" mentre su IMDb il voto medio attribuito al film è 3,6/10. Nel 2010 è stato deriso nella serie comica di Internet Nostalgia Critic, interpretata da Doug Walker, evidenziandone la pessima recitazione e la sceneggiatura.

Nelle sale cinematografiche il film ha incassato appena 1.800 dollari a fronte di un budget di ben sei milioni, al punto da non essere doppiato o distribuito al di fuori degli Stati Uniti.

A causa dell'involontaria comicità di molte scene, il film ha avuto un buon successo nel mercato home video, nelle proiezioni nel circuito cinematografico secondario e nelle sale di mezzanotte diventando un oggetto di culto.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Greg Sestero, l'attore che ha interpretato Mark, ha pubblicato nel 2013 un libro intitolato The Disaster Artist: My Life Inside The Room, The Greatest Bad Movie Ever Made che racconta la storia della produzione del film e della travagliata amicizia tra Sestero e Tommy Wiseau.
  • Nel 2017 esce nelle sale americane The Disaster Artist, film co-prodotto da James Franco, che vede inoltre quest'ultimo nei panni di Wiseau. Il film racconta la storia goliardica delle riprese del film, incentrato sulla travagliata amicizia tra Greg Sestero e Tommy Wiseau. Nel cast figurano anche Seth Rogen nel ruolo di Sandy Schklair, Dave Franco nel ruolo di Sestero e Zac Efron nei panni di Dan Janjigian.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN300052073 · LCCN: (ENn2013021379 · GND: (DE1045897744
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema