Testosterone propionato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Testosterone propionato
Testosterone propionate.svg
Testosterone propionate molecule ball.png
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC22H32O3
Numero CAS57-85-2
Numero EINECS200-351-1
PubChem5995
DrugBankDB01420
SMILES
CCC(=O)OC1CCC2C1(CCC3C2CCC4=CC(=O)CCC34C)C
Indicazioni di sicurezza

Testosterone propionato (chiamato anche propionato di testosterone o commercialmente come Testovis e Testoviron) è una sostanza androgena e uno steroide anabolizzante (AAS) che viene utilizzato principalmente nel trattamento dei bassi livelli di testosterone negli uomini.[1][2][3] È stato anche usato per trattare e curare il cancro al seno nelle donne.[4] Viene somministrato per iniezione nel muscolo di solito una volta ogni due o tre giorni.[5][6]

Gli effetti collaterali del propionato di testosterone comprendono i sintomi della mascolinizzazione come l'acne, la crescita dei peli corporei, i cambiamenti del tono della voce e l'aumento del desiderio sessuale. Il farmaco è un androgeno sintetico e uno steroide anabolizzante e quindi è un agonista del recettore degli androgeni (AR), il bersaglio biologico degli androgeni come il testosterone e il diidrotestosterone (DHT).[7] Il propionato di testosterone è un estere del testosterone e un profarmaco ad azione relativamente breve del testosterone nel corpo. Per questo motivo, è considerato una forma naturale e bioidentica del testosterone.

Il testosterone propionato fu scoperto nel 1936 e fu introdotto per uso medico nel 1937.[8] Fu il primo estere di testosterone ad essere commercializzato ed era la principale forma di testosterone usata in medicina fino agli anni 60. L'introduzione di esteri di testosterone ad azione prolungata come il testosterone enantato, il testosterone cipionato e il testosterone undecanoato a partire dagli anni '50 ha portato alla sostituzione del propionato di testosterone. Come tale, è usato raramente oggi.[9] Oltre al suo uso medico, propionato di testosterone viene utilizzato per migliorare il fisico e le prestazioni sportive. Il farmaco è una sostanza controllata in molti paesi e quindi l'uso non medico è generalmente illecito.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Eberhard Nieschlag, Hermann M. Behre e Susan Nieschlag, Andrology: Male Reproductive Health and Dysfunction, Springer Science & Business Media, 13 gennaio 2010, ISBN 9783540783558. URL consultato il 19 maggio 2018.
  2. ^ (EN) William Llewellyn, Anabolics, Molecular Nutrition Llc, 2011, ISBN 9780982828014. URL consultato il 19 maggio 2018.
  3. ^ (EN) Eberhard Nieschlag, Hermann M. Behre e Susan Nieschlag, Testosterone: Action, Deficiency, Substitution, Cambridge University Press, 26 luglio 2012, ISBN 9781107012905. URL consultato il 19 maggio 2018.
  4. ^ (EN) S Bolour e G Braunstein, Testosterone therapy in women: a review, in International Journal of Impotence Research, vol. 17, nº 5, 12 maggio 2005, pp. 399–408, DOI:10.1038/sj.ijir.3901334. URL consultato il 19 maggio 2018.
  5. ^ (EN) Kenneth L. Becker, Principles and Practice of Endocrinology and Metabolism, Lippincott Williams & Wilkins, 2001, ISBN 9780781717502. URL consultato il 19 maggio 2018.
  6. ^ (EN) Anita H. Payne e Matthew P. Hardy, The Leydig Cell in Health and Disease, Springer Science & Business Media, 28 ottobre 2007, ISBN 9781597454537. URL consultato il 19 maggio 2018.
  7. ^ doi.org, https://doi.org/10.1038%2Fbjp.2008.165.
  8. ^ Vladimir Korenchevsky, Marjorie Dennison e Margaret Eldridge, The prolonged treatment of castrated and ovariectomized rats with testosterone propionate, in Biochemical Journal, vol. 31, nº 3, 1937-03, pp. 475–485. URL consultato il 19 maggio 2018.
  9. ^ (EN) Christopher R. Chapple e William D. Steers, Practical Urology: Essential Principles and Practice: Essential Principles and Practice, Springer Science & Business Media, 10 maggio 2011, ISBN 9781848820340. URL consultato il 19 maggio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]