Temperamatite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vari tipi di temperamatite

Il temperamatite, anche detto temperino (appuntino o appuntalapis in Toscana, fapunte nel Triveneto, appuntamatite o aguzzamatite in Abruzzo, appzzutamatite in Molise ), è un oggetto di cancelleria molto comune, realizzato in acciaio, ferro, plastica o altri materiali. La sua funzione è appuntire le matite, affinché queste possano scrivere. Il temperino, insieme alle matite, alla gomma e agli altri oggetti di uso comune per la scrittura, viene usualmente conservato in un astuccio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prima dello sviluppo di temperamatite dedicati, una matita veniva affilata tagliandola con un coltello .

Lo sviluppo dei temperamatite iniziò in Francia quando un libro francese del 1822 riportava in dettaglio un'invenzione del sig. CA Boucher (Parigi) per la costruzione di un temperamatite. Stava lavorando con i pantografi e, apparentemente, aveva bisogno di un dispositivo per affilare con precisione le matite[1][2].  Il dispositivo del sig. Boucher era tecnicamente sensato e funzionale. La sua idea era anche conosciuta e riconosciuta a livello internazionale, come dimostrano i corrispondenti rapporti nella letteratura tedesca in quel momento.  Ma il signor Boucher non aveva fatto domanda di brevetto per il suo temperamatite.

Il matematico francese Bernard Lassimonne (Limoges) applicò il primo brevetto al mondo (brevetto francese n. 2444) su un temperamatite nel 1828[3].  Temperamatite che utilizzavano il suo brevetto furono effettivamente prodotti e venduti da Binant in un negozio di accessori per la pittura a Parigi[2].  Nel 1833 in Inghilterra, Cooper & Eckstein brevettarono il cosiddetto Styloxynon, un semplice congegno costituito da due lime affilate incastonate ad angolo retto in un piccolo blocco di palissandro[4][5]. Questo è il più antico temperamatite che ha ancora esempi[6].

Negli anni '30 e '40 dell'Ottocento, alcuni francesi, tutti con sede a Parigi, erano impegnati nella costruzione di semplici strumenti per temperare le matite, come François Joseph Lahausse[7].  Questi dispositivi sono stati venduti, ma senza un bacino di vendita sovraregionale. Nel 1847 il nobile francese Thierry des Estivaux inventò un semplice temperamatite a mano nella sua riconoscibile forma moderna[8][9].  Il primo temperamatite americano fu brevettato da Walter Kittredge Foster di Bangor, Maine nel 1855[10]. Foster ha fondato un'azienda - la prima azienda di temperamatite al mondo - e ha prodotto una grande quantità di questi piccoli temperamatite a mano. Solo pochi anni dopo i temperamatite furono venduti anche in Europa come "temperamatite americano"[11].

Alla fine del XIX secolo, soprattutto negli Stati Uniti, erano stati sviluppati e immessi sul mercato temperamatite con vari meccanismi. Questi dispositivi erano spesso pesanti e destinati all'uso negli uffici. Esempi sono il Perfect Pencil Pointer (Goodell. Co.), il GEM Pencil Sharpener (di Gould & Cook Co.), il Planetary Pencil Sharpener (AB Dick Co.), tutti dagli Stati Uniti o il Jupiter (Guhl & Harbeck Co.) dalla Germania[12].  All'inizio del XX secolo fu fondata la società Automatic Pencil Sharpener Co. (APSCO) e dopo il 1907[12] produsse l'Automatic Pencil Sharpener statunitense,  che dominava in quegli anni. Successivamente hanno venduto macchine con meccanismi di fresatura, come i modelli Climax, Dexter, Wizard e Junior[13].  APSCO è diventata nei decenni successivi il più grande produttore di macchine per temperamatite al mondo e, insieme ad alcune altre aziende statunitensi, ha dominato il mercato.

I temperamatite elettrici per gli uffici sono stati realizzati intorno al 1917.

Nel maggio 2011, i funzionari del turismo a Logan, Ohio, hanno messo in mostra, nel loro centro di accoglienza regionale, centinaia di temperamatite che erano stati raccolti dal reverendo Paul Johnson, un ministro dell'Ohio morto nel 2010. Johnson, un veterano della seconda guerra mondiale, aveva tenuto la sua collezione di oltre 3.400 affilatrici in un piccolo capannone, fuori dalla sua casa a Carbon Hill, nel sud-est dell'Ohio. Aveva iniziato a collezionare dopo che sua moglie gli aveva regalato alcuni temperamatite alla fine degli anni '80 e li aveva organizzati in categorie, tra cui gatti, Natale e Disneyland[14].

La struttura e il funzionamento di un temperino[modifica | modifica wikitesto]

Un comune temperamatite
Temperamatite a due fori

Un temperino consiste in un piccolo blocco metallico o di materiale plastico, all'interno del quale è praticato un foro di forma conica; su una faccia del blocco, lungo il foro conico, è applicata con una vite una lama affilata. Infilando la matita nel foro, che è fatto su misura, e facendola girare solitamente in senso orario, si fa in modo che la lama del temperino venga in contatto con il legno esterno della matita e ne elimini lo strato superiore, facendo assumere all'attrezzo da disegno la stessa forma del foro conico del temperamatite; in questo modo la grafite, contenuta all'interno della matita, è esposta ed appuntita in modo da permettere la scrittura. Il temperino può avere lati leggermente curvati per favorirne un'impugnatura più comoda.

Vari tipi di temperini[modifica | modifica wikitesto]

Temperamine

Esistono vari tipi di temperini. Tra quelli manuali, ricordiamo:

  • quelli con un foro
  • quello a doppio foro, che permettono di temperare matite di due dimensioni diverse
  • quelli per matite speciali, dotati di lame capaci di tagliare legni più duri o più morbidi del normale
  • quelli con serbatoio che permettono di raccogliere i trucioli di legno

Nei temperini meccanici o elettrici, dopo aver infilato la matita nell'apposito foro, basta azionare il temperamatite perché questo faccia la punta alla matita tramite la rotazione di una o più lame interne. Questo si ottiene ruotando una manovella nei temperamatite meccanici o avviando il motore in quelli elettrici, in genere inserendo la matita. C'è il temperamatite comune dove infili la matita e la giri per farla più appuntita.

Esistono temperini con foro di 2 mm per appuntire le mine dei portamine. Il temperino a volte è incorporato nel pulsante amovibile del portamine stesso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Recueil de la Société polytechnique: ou Recueil industriel, manufacturier, agricole et commercial, de la salubrité publique, ..., Société polytechnique, 1822, pp. 290–295.
  2. ^ a b André Grahl, History of pencil sharpeners and pointers −1850 Lassimone, Cooper/Eckstein, Lahausse, su patent-infos.de. URL consultato il 1º marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2019).
  3. ^ (FR) Description des machines et procédés spécifiés dans les brevets d'invention, publ. par C.P. Molard. [With] Table générale des vingt premiers volumes..., 1835, pp. 583, 81–83.
  4. ^ (EN) Repertory of patent inventions and other discoveries and improvements in arts, manufactures and agriculture, Macintosh, 1833, pp. 318–319.
  5. ^ (EN) Mechanic's Magazine, Museum, Register, Journal & Gazette, Knight and Lacey, 1837, pp. 185.
  6. ^ (EN) RARE ANTIQUE EARLY PATENT PENCIL SHARPENER 1830s – COOPER & ECKSTEIN STYLOXYNON, su Worthpoint. URL consultato il 1º marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2019).
  7. ^ (FR) Bulletin de la Société d'encouragement pour l'industrie nationale, Société d'encouragement pour l'industrie nationale, 1834, pp. 406–407.
  8. ^ (FR) Description des machines et procédés pour lesquels des brevets d'invention ont été pris sous le régime ..., L'Imprimerie Nationale, 1852, pp. 260.
  9. ^ 20 Things You Didn't Know About... Pencils, in Discover magazine, maggio 2007. URL consultato il 30 aprile 2009.
  10. ^ Handheld Pencil Sharpeners, su officemuseum.com. URL consultato il 9 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2011).
  11. ^ (DE) Neueste Nachrichten aus dem Gebiete der Politik: 1858, Wolf, 1858, pp. 2623.
  12. ^ a b Mechanical Pencil Sharpeners ~ 1900–1909, su officemuseum.com. URL consultato il 3 marzo 2019.
  13. ^ Mechanical Pencil Sharpeners ~ 1910–1919, su officemuseum.com. URL consultato il 3 marzo 2019.
  14. ^ “New home for Ohio man's pencil sharpener 'museum’” at sacbee.com[collegamento interrotto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE7533388-0