Telefoto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Édouard Belin con un esemplare di belinografo.

La telefoto, o belinografia[1] dall'italianizzazione del nome francese Bélinographe, è un'immagine fotografica ricevuta via linea telefonica (analogica) o telegrafica il cui principio si basa sulla trasformazione di segnali acustici in segnali luminosi che, emessi da una cellula fotoelettrica, impressionano della carta fotografica o pellicola fotosensibile.

Ideata dal francese Édouard Belin nel 1920, questo sistema di trasmissione delle immagini è stato in uso fino alla metà degli anni novanta del XX secolo presso tutte le agenzie di stampa e i principali quotidiani di informazione.
Oggi è stata totalmente soppiantato dalle immagini digitali trasmesse attraverso Internet.

Nel novembre del 1934 la telefoto fa la sua comparsa sulle colonne di Stampa Sera, l'edizione pomeridiana de La Stampa: è un'immagine della partita di calcio Inghilterra-Italia (la storica "Battaglia di Highbury").

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ belinografìa, in Dizionario delle scienze fisiche, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1996.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]