Tarhunzas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Karatepe, il dio Tarhunzas

Tarhunzas (o Tarku ma anche Tarhunza) fu un'antichissima divinità dell'Anatolia,[1] il dio eccelso, chiamato anche Baal-Tarz, considerato l'omologo di Zeus.

Su una stele rinvenuta a Karatepe è scritto:

« Io (sono) Azatiwata, uomo illuminato dal Sole,
servo di Tarhunz, che Awariku, re degli Adanesi, rese grande.
Tarhunza mi rese padre e madre per Adana.
[2] »

La straordinaria scoperta avvenuta a Karatepe, in Turchia, nel 1946, ad opera dagli archeologi Helmuth Theodor Bossert e Halet Cambel riportò alla luce sia la statua di Tarhunzas che un piccolo tempio a lui dedicato.[3]

Temuto dai marinai per le tempeste,[4] Tarhunzas era anche l'espressione del rispetto che le popolazioni di quei luoghi nutrivano per la fecondità della terra, i suoi ritmi, i suoi misteri e i suoi frutti. Durante l'anno la statua venivano adorna con le primizie della terra: fasci di spighe, tralci di viti e fiori.[1] Giuseppe Furlani afferma che "nel paese di Luia si adorava segnatamente Shantash (Sandon) e accanto a questo anche Tarhunza".[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Abate Giuseppe Ricciotti, Paolo apostolo. Biografia con introduzione critica e illustrazioni, Tipografia Poliglotta Vaticana, 1946, pag. 18.
  2. ^ Piero Meriggi, Manuale di eteo geroglifico II, Roma, 1967, p. 70.
  3. ^ Helmuth Theodor Bossert & Halet Cambel, Karatepe, Istanbul, 1946.
  4. ^ Corinne Bonnet, Jörg Rüpke, Paolo Scarpi, Nicole Hartmann, Franca Fabricius, Religioni Orientali e culti misterici, pag. 237.
  5. ^ Giuseppe Furlani, Enciclopedia Italiana, HITTITI, 1933.
Mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia