Targhetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Targhetta su La Senna ad Argenteuil, opera di Alfred Sisley.

In pittura, la targhetta è una piccola piastra posta sulla cornice di un'opera d'arte, o sul muro accanto al lavoro (soprattutto in musei e gallerie d'arte) e che porta il titolo del lavoro, il suo autore e altre informazioni pertinenti (data, tecnica, dimensioni, luogo di deposito, proprietario, donatore, numero di inventario, ecc.).

La targhetta può anche consentire di individuare facilmente le tabelle memorizzate sugli scaffali[1] di stoccaggio delle opere non esposte.

Per le opere architettoniche, la targhetta ha una forma diversa: ci sono generalmente diversi architetti. Deve essere contrassegnato con la targhetta unicamente chi ha commissionato il progetto.

Altre forme di cartello[modifica | modifica wikitesto]

Cartellino nel ritratto di Georg Giese, opera di Hans Holbein il Giovane.

Il cartellino (parola originale italiana) è la rappresentazione dipinta nel quadro, dallo stesso artista, di un foglietto con un testo esplicativo, con data e firma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) À propos de la peinture de Blanche Odin, par Bénédicte Magnin Bénédicte, conservatrice du musée Salies.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]