TON 618

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
TON 618
Quasar
TON 618 SDSS9 version 2.jpg
TON 618 (SDSS DR9)
Scoperta
Data1957
Dati osservativi
(epoca J2000.0)
CostellazioneCani da Caccia
Ascensione retta12h 28m 24,9s[1]
Declinazione+31° 28′ 38″[1]
Distanza1,04 x 1010[1] a.l.  
Magnitudine apparente (V)15,9[1]
Redshift2,219[1]
Caratteristiche fisiche
TipoQuasar
Caratteristiche rilevantiQuasar più massiccio
Mappa di localizzazione
TON 618
Canes Venatici IAU.svg
Categoria di quasar

Coordinate: Carta celeste 12h 28m 24.9s, +31° 28′ 38″

TON 618 è un quasar estremamente luminoso e molto distante dalla Terra, collocato nella costellazione dei Cani da Caccia. Contiene uno dei più massicci buchi neri conosciuti, con una massa pari a circa 66 miliardi di volte la massa solare.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dato che i quasar non erano ancora stati scoperti fino al 1963,[2] la natura di questo oggetto era sconosciuta quando fu rilevato nel 1957. Nel 1970, tramite una rilevazione radio a Bologna fu scoperta un'emissione radio da TON 618, da cui si è dedotto la natura dell'oggetto.[3]

Buco nero ultramassiccio[modifica | modifica wikitesto]

Come ogni quasar, si ritiene che TON 618 abbia un disco di accrescimento di gas caldo che ruota attorno al buco nero. Il quasar è stimato distante 10,4 miliardi di anni luce. La galassia circostante non è visibile per l'eccessiva luminosità del quasar stesso. Con una magnitudine assoluta di −30,7, una luminosità di 4×1040 watt, una brillantezza 140 trilioni di volte quella del Sole, TON 618 è uno degli oggetti più luminosi dell'universo. Il raggio di Schwarzschild dell'orizzonte degli eventi di questo buco nero è di circa 1.300 UA (circa 390 miliardi di km di diametro, più di 40 volte la dimensione dell'orbita di Nettuno).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e NASA/IPAC Extragalactic Database, su ned.ipac.caltech.edu.
  2. ^ 1963: Maarten Schmidt Discovers Quasars, su cosmology.carnegiescience.edu, Observatories of the Carnegie Institution for Science. URL consultato il 21 ottobre 2017.
  3. ^ G. Colla, C. Fanti, A. Ficarra, L. Formiggini, E. Gandolfi, G. Grueff, C. Lari, L. Padrielli, G. Roffi, P Tomasi e M. Vigotti, A catalogue of 3235 radio sources at 408 MHz, in Astronomy & Astrophysics Supplement Series, vol. 1, n. 3, 1970, p. 281, Bibcode:1970A&AS....1..281C. URL consultato il 21 ottobre 2017.
Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari