Supreme Council of Antiquities

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Frontespizio di un'edizione della Description de l'Égypte

Il Supreme Council of Antiquities, normalmente abbreviato con la sigla SCA, è stato un dipartimento dell’amministrazione statale egiziana con compiti di gestione dell’ingente patrimonio archeologico dell’Egitto dal 1994 al 2011 quando è stato elevato al rango di Ministero indipendente con la denominazione Ministry of State for Antiquities –MSA-[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fino al XIX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Fino alla metà del XIX secolo non esisteva regolamentazione afferente le antichità rinvenute in Egitto; decine di migliaia di suppellettili e reperti archeologici e storici, dalla gioielleria alla statuaria, ai rilievi ad interi monumenti, a corpi mummificati e suppellettili funerarie, vennero esportati in musei e collezioni private sparsi per il mondo. La domanda di manufatti egizi si incrementò notevolmente, peraltro, dopo la missione napoleonica del 1798-1801 e la conseguente pubblicazione della Description de l'Égypte, resoconto storico-artistico della missione.

1835: editto di Mehmet Ali[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto di Mehemet Ali di Auguste Couder
fotografia di Muhammad Said Pascha, 1855 Nadar

Un primo tentativo per giungere ad un controllo delle antichità egizie venne posto in essere nell’agosto 1835 quando il Viceré d’Egitto, Mehmet Ali, emanò un decreto che proibiva l’esportazione di antichità fuori dal Paese. Con lo stesso decreto, veniva istituito un magazzino, in cui dovevano essere riposte tutte le antichità rinvenute, nei giardini Ezbekiah (Ezbekiah Gardens) de Il Cairo. Sfortunatamente, molti reperti, anche di ingente valore, venivano regalati da dignitari locali a funzionari esteri e almeno fino alla metà dell’800 il magazzino di Ezbekiah Gardens restò praticamente vuoto. Nel 1855 tutto quanto ancora contenuto nel magazzino stesso, venne regalato da Abbas Pasha all’arciduca d’Austria Massimiliano.

1858: il Service des Antiquités[modifica | modifica wikitesto]

Boulogne-sur-Mer: statua ad Auguste Mariette (direttore 1858-1881)
Fotografia di Gaston Maspero (direttore 1881-1886 e 1899-1914)
Fotografia di Jacques de Morgan (direttore 1892-1897)

Nel 1858 il successore di Abbas, Said Pasha, approvò la creazione di un Service des Antiquités (Servizio delle Antichità), con compiti anche di polizia nel contrasto al traffico illecito di materiali archeologici, affidandone la direzione allo studioso francese Auguste Mariette. Il nuovo Dipartimento fu autorizzato, inoltre, non solo ad eseguire scavi archeologici in proprio, ma ebbe la potestà autorizzativa e la supervisione su quelli delle missioni straniere in terra d’Egitto.

1863: il Museo di Boulaq[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1863 Mariette inaugurò il primo museo nazionale, ospitato nella City Transit Authority nel sobborgo di Boulaq, trasferendo tutti i reperti che si erano intanto accumulati nel magazzino dei giardini Ezbekiah. Per quasi un secolo il Service des Antiquités venne diretto da studiosi francesi (da Auguste Mariette, nel 1858, a Étienne Drioton, che terminò il suo mandato nel 1952.

1953: il primo direttore egiziano[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni ’50 del 1900 le truppe coloniali britanniche lasciarono l’Egitto e il Service des Antiquités venne inquadrato nel Ministero dell’Educazione egiziano; quale direttore del Museo egizio venne prescelto, nel 1953, Mostafa Amer che resse l’incarico fino al 1956. Nel 1960 il Service des Antiquités passò alle dipendenze del Ministero della Cultura e, nel 1971, mutò denominazione in Egyptian Antiquities Organization –EAO- .

1994: il Supreme Council of Antiquities[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994, con decreto presidenziale n. 82, l’Organizzazione mutò la propria denominazione in Supreme Council of Antiquities –SCA- (Supremo Consiglio delle Antichità) e, nel 2011, assurse a livello Ministero autonomo come Ministry of State for Antiquities –MSA- (Ministero di Stato per le Antichità), attualmente (2017) diretto da Mohammad Ibrahim.

Direttori del Servizio delle Antichità (1858-2017)[modifica | modifica wikitesto]

Direttori francesi (1858-1952)[modifica | modifica wikitesto]

Tabella dei Direttori francesi del Servizio delle Antichità egiziano (Service des Antiquities) (1858-1952)
Nome e cognome dal al
Auguste Mariette 1858 1881
Gaston Maspero 1881 1886
Eugène Grébaut 1886 1892
Jacques de Morgan 1892 1897
Victor Loret 1897 1899
Gaston Maspero 1899 1914
Pierre Lacau 1914 1936
Étienne Drioton 1936 1952

Direttori egiziani (1953-1971)[modifica | modifica wikitesto]

Tabella dei Direttori egiziani del Servizio delle Antichità egiziano (Service des Antiquities) (1953-1971)
Nome e cognome dal al
Mostafa Amer 1953 1956
Abbas Bayoumi 1956 1957
Moharram Kamal 1957 1959
Abd el-Fattah Hilmy 1959 1959
Mohammed Anwar Shoukry 1960 1964
Mohammed Mahdi 1964 1966
Gamal Mokhtar 1967 1971

Direttori egiziani (1971-1993)[modifica | modifica wikitesto]

Tabella dei Direttori egiziani dell’Organizzazione Egiziana delle Antichità (Egyptian Antiquities Organization –EAO-) (1971-1993)
Nome e cognome dal al
Gamal Mokhtar 1971 1977
Mohammed Abd el-Qader Mohammed 1977 1978
Shehata Adam 1978 1981
Fuad el-Oraby 1981 1981
Ahmed Khadry 1982 1988
Mohammed Abdel Halim Nur el-Din 1988 1988
Sayed Tawfik 1989 1990
Mohammed Ibrahim Bakr 1990 1993

Direttori egiziani (1993-2017)[modifica | modifica wikitesto]

Tabella dei Direttori egiziani del Consiglio Supremo delle Antichità (Supreme Council of Antiquities –SCA-) (1993-2017)
Nome e cognome dal al
Mohammed Abdel Halim Nur el-Din 1993 1996
Ali Hassan 1996 1997
Gaballa Ali Gaballa 1997 2002
Zahi Hawass 2002 2011
Mohamed Abdel Fattah 2011 2011
Moustapha Amine 2011 2013
Mohammad Ibrahim 2013 ad oggi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Supreme Council of Antiquities, su sca-egypt.org. URL consultato il 28 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2011).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0001 2290 624X · LCCN (ENno00011304 · WorldCat Identities (ENno00-011304
Archeologia Portale Archeologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di archeologia