Superammasso di Shapley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Superammasso di Shapley
Superammasso di galassie
Mappa 2MASS della NASA: la freccia gialla indica la posizione del Superammasso di Shapley.
Mappa 2MASS della NASA: la freccia gialla indica la posizione del Superammasso di Shapley.
Dati osservativi
(epoca J2000)
Costellazione Centauro
Ascensione retta 13h 05m 57,8s[1]
Declinazione -33° 04′ 03″
Distanza 650 milioni a.l.
(200 milioni pc)
Redshift 0,043000
Velocità radiale 12891 km/s
Caratteristiche fisiche
Tipo Superammasso di galassie
Dimensioni 330 milioni a.l.
(100 milioni pc)
Altre designazioni
Shapley Concentration, SCl 124
Categoria di superammassi di galassie

Coordinate: Carta celeste 13h 05m 57.8s, -33° 04′ 03″

Il Superammasso di Shapley è il più grande superammasso di galassie conosciuto. Il superammasso è molto vicino al punto nella cui direzione si sta muovendo il Superammasso della Vergine, del quale la Via Lattea fa parte, per cui si specula che il Superammasso di Shapley sia, assieme al Grande Attrattore, il maggior responsabile del movimento del nostro superammasso in quella direzione rispetto alla radiazione cosmica di fondo.

Il nome proviene da Harlow Shapley, l'astronomo che dalla fine degli anni venti al 1932 scoprì ben 76.000 galassie nel cielo australe. Il superammasso fu poi riscoperto da Somak Raychaudhury nel 1989, che mise in evidenza il Grande Attrattore con l'Ammasso del Regolo e con il Superammasso di Shapley.

Il superammasso è al confine con il Vuoto del Bootes e dista circa 650 milioni di anni luce.

Ammassi di galassie del Superammasso di Shapley
Nome R.A. (J2000) Dec (J2000) Numero galassie Redshift (z) Distanza (milioni di anni luce) Nomi alternativi
Abell 1631 12h 53m 14.4s -15° 22′ 48″ 68 0,013936 199 MCXC J1253.2-1522, BAX 193.2077-15.4381
Abell 1644 12h 57m 09.7s -17° 24′ 01″ 88 0,0473 627 MCXC J1257.1-1724, ClG 1254-1706
Abell 1709 13h 18m 42.4s -21° 27′ 46″ 43 0,0521 686 BAX 199.6767-21.4627
Abell 1736 13h 26m 54.0s -27° 11′ 00″ 60 0,0458 607 ClG 1324.1-2652, MCXC J1326.9-2710
Abell 3528 12h 54m 18.2s -29° 01′ 16″ 70 0,0528 695 KLEMOLA 21, BAX 193.5758-29.0210
Abell 3530 12h 55m 34.5s -30° 19′ 50″ 34 0,0537 706 MCXC J1255.5-3019, BAX 193.9037-30.3540
Abell 3532 12h 57m 16.9s -30° 22′ 37″ 50 0,0554 727 MCXC J1257.2-3022, KLEMOLA 22
Abell 3542 12h 08m 41.0s -34° 34′ 00″ 45 0,0525 690 SSGC 045
Abell 3553 13h 19m 14.6s -37° 10′ 45″ 36 0,0487 642
Abell 3554 13h 19m 30.4s -33° 28′ 45″ 59 0,047 621 SSGC 056
Abell 3555 13h 20m 46.2s -28° 58′ 43″ 61 0,0488 644 SSGC 061
Abell 3556 13h 24m 06.2s -31° 39′ 38″ 49 0,0479 633 SC 1321-31.4, BAX 201.0260-31.6605
Abell 3558 13h 27m 57.5s -31° 30′ 09″ 328 0,048 634 AM 1325-311, MCXC J1327.9-3130, SHAPLEY 08
Abell 3559 13h 29m 53.9s -29° 31′ 29″ 141 0,0461 610 BAX 202.4747-29.5246
Abell 3560 13h 32m 22.6s -33° 08′ 22″ 184 0,0489 645 MCXC J1332.3-3308, BAX 202.9604-33.2237
Abell 3562 13h 33m 36.3s -31° 39′ 40″ 129 0,049 646 MCXC J1333.6-3139, BAX 203.3825-31.6729
Abell 3564 13h 34m 33.3s -35° 13′ 21″ 53 0,0505 664 SSGC 091
Abell 3566 13h 38!59.4m : -35° 33′ 13″ 100 0,051 670 SSGC 096, BAX 204.7475-35.5536
Abell 3570 13h 46m 52.50s -37° 52′ 28″ 31 0,0366 489 MCXC J1346.8-3752, BAX 206.7115-37.9162
Abell 3571 13h 47m 28.4s -32° 50′ 59″ 126 0,0391 521 MCXC J1347.4-3250, BAX 206.8706-32.8658
Abell 3572 13h 48m 11.4s -33° 22′ 56″ 49 0,0517 679
Abell 3575 13h 52m 35.8s -32° 52′ 47″ 49 0,0377 503 SSGC 115
Abell 3577 13h 54m 20.4s -27° 50′ 43″ 103 0,0494 651 SSGC 116
Abell 3578 13h 57m 30.6s -24° 43′ 36″ 52 0,0393 524
Alcuni gruppi di galassie appartenenti al Superammasso del Centauro
Nome R.A. (J2000) Dec (J2000) Numero galassie Redshift (z) Distanza (milioni di anni luce) Nomi alternativi
Abell S718 12h 59m 44.9s -33° 40′ 10″ 16 0,0478 632
Abell S729 13h 21m 32.2s -35° 47′ 42″ 19 0,0499 657 KLEMOLA 24
Abell S731 13h 23m 01.9s -34° 52′ 40″ 29 0,0505 665
SC 1327-312 13h 29m 47.0s -31° 36′ 29″ 57 0,045904 652 MCXC J1329.7-3136, BAX 202.4458-31.6081
SC 1329-313 13h 31m 28.0s -31° 49′ 50″ 37 0,0482 636 BAX 202.9000-31.8128

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ NASA/IPAC Extragalactic Database, in BASIC DATA for Shapley Supercluster. URL consultato il 16 ottobre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • K. Bolejko, C. Hellaby, The Great Attractor and the Shapley Concentration, GRG 40, 1771 (2008)[1]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari