Stropharia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Stropharia
Stropharia aeruginosa big.jpg
Stropharia aeruginosa
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Strophariaceae
Genere Stropharia

Stropharia (Fr.) Quél., Mémoires de la Société d'Émulation de Montbéliard., 2e Série 5: 141 (1872).

Stropharia aurantiaca.jpg

(in figura: Stropharia aurantiaca)

Al genere Stropharia appartengono funghi più carnosi e meno acquosi dei Coprinus, poco fragili semiglobosi da giovani, senza volva e con anello.

Descrizione del genere[modifica | modifica wikitesto]

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

Giallo o bruno, con cuticola distinta.

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

Non distinto dal cappello.

Lamelle[modifica | modifica wikitesto]

Adnate, grigiastre, con cistidi variabili provvisti di inclusioni rifrangenti in ammoniaca e colorabili in blu cotone.

Spore[modifica | modifica wikitesto]

Bruno-violaceo-porpora, lisce, con un poro germinativo distinto e spesso con cistidi.

Commestibilità delle specie[modifica | modifica wikitesto]

Trascurabile.

Due sole specie commestibili, la Stropharia rugosoannulata e la Stropharia coronilla, considerate in alcuni paesi degli ottimi commestibili, soprattutto in Germania dove la Stropharia rugosoannulata viene intensamente coltivata. In Puglia queste specie vengono consumate e commercializzate sott'olio con l'appellativo volgare di "castagnoli".
Tutte le altre specie sono da considerarsi non eduli, sospette, velenose oppure mediocri o scadenti commestibili.

Specie di Stropharia[modifica | modifica wikitesto]

La specie tipo è Stropharia aeruginosa (Curtis) Quél. (1872), altre specie sono:

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal latino stróphium = fascia pettorale, cioè con le fasce pettorali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • La S. rugosoannulata è attualmente annoverata fra le specie commercializzabili in Italia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia