Strato limite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nell'ambito dei fenomeni di trasporto, lo strato limite (in inglese boundary layer) indica una zona adiacente ad una interfase in corrispondenza della quale si ha una brusca variazione di una grandezza fisica, che può essere la velocità, la temperatura, o la concentrazione.

Tipi di strato limite[modifica | modifica wikitesto]

A seconda di quale grandezza fisica varia in prossimità dello strato limite, si parla rispettivamente di:

Questi tre concetti vengono studiati dalla teoria dello strato limite in modo indistinto, ma riguardano diverse applicazioni. Il concetto di strato limite di quantità di moto viene applicato nell'ambito della fluidodinamica; il concetto di strato limite di materia viene applicato nell'ambito della reattoristica e del trasporto tra fasi; il concetto di strato limite di calore viene applicato nell'ambito del trasporto di calore.

Determinazione dello spessore dello strato limite[modifica | modifica wikitesto]

Le correlazioni che permettono di ricavare lo spessore dello strato limite sono differenti a seconda che il sistema in esame sia in condizioni di regime turbolento o regime laminare.

Esistono delle analogie (come l'analogia di Chilton-Colburn) che permettono di ricavare lo spessore di uno strato limite (ad esempio di materia) dalla conoscenza dello spessore di un altro tipo di strato limite (ad esempio di quantità di moto).[1][2][3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bird, R.B., Stewart, W.E. and Lightfoot, E.N. (1960), Transport phenomena, John Wiley & Sons, New York
  • (EN) Warren McCabe, Julian Smith, Peter Harriott, Unit Operations In Chemical Engineering, 6ª ed., Tata Mcgraw Hill Publishers, 2005, pp.59-63, ISBN 0-07-060082-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]