Stigmasterolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stigmasterolo
Stigmasterin.svg
Nomi alternativi
Stigmasterina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C29H48O
Massa molecolare (u) 412,69
Aspetto solido bianco
Numero CAS 83-48-7
Numero EINECS 201-482-7
PubChem 5280794
SMILES CC[C@H](/C=C/[C@@H](C)[C@H]1CC[C@@H]2[C@@]1(CC[C@H]3[C@H]2CC=C4[C@@]3(CC[C@@H](C4)O)C)C)C(C)C
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua insolubile

Lo stigmasterolo è uno sterolo di origine vegetale. È presente nell'olio di semi di soia, nella colza e in vari legumi.

È stato isolato nel 1906 da Adolf Windaus e A. Hauth da una miscela oleosa estratta dalla fava del Calabar.[1]

È utilizzato come stabilizzante, agente nucleante del ghiaccio, allo scopo di provocare e mantenere la presenza di una dispersione di ghiaccio nell’ambito di un cocktail alcolico gelato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Windaus, A. & Hauth, A. (1906): Ueber Stigmasterin, ein neues Phytoserin aus Calabar-Bohnen. In: Berichte der Deutschen Chemischen Gesellschaft. Bd. 39, S. 4378-4384. DOI: 10.1002/cber.190603904146.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]


Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia