Sticker art

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Uno sticker contro il presidente George W. Bush a New York

La sticker art, (dall'inglese sticker, adesivo) è una forma di street art in cui il messaggio o l'immagine sono veicolati da un adesivo.

Il primo esempio generalmente riconosciuto di sticker art è l'adesivo Andre the Giant has a posse di Shepard Fairey, poi iterato in Obey Giant, del 1989[1]; per l'Italia, il primo esempio riconosciuto sono I Sauri, comparsi dal 1994[2].

È consueto trovare esempi di sticker art in grandi centri urbani in posti molto trafficati, ma ormai la diffusione è endemica, anche nei piccoli centri.

Un altro uso degli sticker nell'ambito della street art è quello di contenere la firma dell'artista (tag), in alternativa alla firma con spray o pennarello. Questi adesivi sono spesso caratterizzati da un colore di sfondo uniforme e dalla firma scritta a mano con pennarello.

Gli adesivi possono spesso contenere messaggi politici o sociali, con l'intento di arrivare al maggior pubblico possibile grazie al tappezzamento di vaste zone urbane, promuovendo così una maggiore sensibilizzazione verso un problema.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Writing Portale Writing: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di writing